Categories
blog

Mi illumino di Infinito – A spasso con la kabbalah

La Cabala da sempre è considerata una scienza occulta, misterica e conosciuta solo a pochi iniziati. Ma la Cabala è vita, descrive la vita, quella che viviamo ogni giorno e vi penetra dentro rendendola affascinante e chiara ai miei passi.

E allora, può la vita, la nostra, essere oscura, misterica e conosciuta solo a pochi eletti? Credo di no!

Coloro che cercano, cerchino finché troveranno. Quando troveranno, resteranno commossi (Vangelo di Tommaso 2).

Questo libro è una introduzione alla Cabala attraverso le esperienze che faccio ogni giorno, in tutte le loro sfaccettature e in tutte le loro imprevedibilità.

Pagina dopo pagina, mi accorgerò che la Cabala non è un mondo distante da me o una scienza lontana da me, ma sono io.

Perché ognuno è Cabala vivente, anche se non lo sa o non ci crede.

La Cabala sono io! Perché sono scienza e mondo e fondamento della Cabala stessa.

Sapere aude: incipite! Abbi il coraggio di sapere: comincia! (Orazio, I Epistulae 2,40)

Mettiti alla prova, e vedrai che quello che in principio pensavi essere oscuro e misterico, è in realtà qualcosa che ti riguarda e che attui e sperimenti ogni istante della tua vita. Dalle cose più semplici alle più complesse.

La Cabala ti aiuta a riconoscere, e a capire, che il mondo è in perenne divenire. È una ri-creazione continua di tutto ciò che ti circonda e ti comprende.

Sapere aude: incipite!
Abbi il coraggio di sapere: comincia!

Una ri-creazione imprescindibile da te, maschio o femmina che sia.

Perciò devi partecipare alla sua ri-creazione perché devi ri-creare anche te stesso.

Ma per farlo, rispondi ad una domanda: se Dio c’è, ovvero credi che esiste, il mondo è in un’evoluzione dipendente da lui o è autosufficiente?

Chi potrà in questo breve tempo ereditare qual che non ha misura? (Apocalisse di Baruc 16,1)

Il mondo è un work in progress continuo. Per tale motivo, io uomo-umanità devo dare fondo a tutte le mie conoscenze per aiutare la terra a germogliare e a portare frutti buoni e puri.

La ri-creazione è la parola che esce dalla mia bocca. Infatti ogni istante ascolto e dico parole, ogni momento decodifico il mio linguaggio per trasmettere sensazioni, passioni, esperienze. Cioè, creo.

Ma non devo dimenticare che la parola ha un concepimento, un periodo di gestazione e una venuta alla luce non senza sofferenza.

La parola ha pienezza, profondità, multidimensionalità. E saperla usare nel modo corretto mi aiuta a vivere meglio, ad essere vissuto meglio.

Categories
blog Spiritualità

Angels, messengers of virtue to guard men.

Angels have a special attraction in the minds of men. To give him a face, a name, a physical aspect or a word, man has always resorted to his fervent imagination, identifying with himself the angelic specifications.

The fact that angels reappear today is indicative of a new sensitivity and a renewed openness to the most ancient truth of religions: life is sacred and is much more than letting yourself live. It asks us much more.

Precisely because we characterize ourselves as angelic specifications, the expectations that we have of them and in them are enormous and often illusory. Angels as divine entities cannot be enclosed in enclosed or restricted spaces.

Messengers of God are angels. They are space and time at the same time. And precisely this characteristic makes them inaccessible to our mind. They send us messages of a different reality. Deeper.

Images we connect to the angels speak of a world of security, lightness, beauty and hope. Angels are images of the deep and constant desire for help that cannot come from ourselves. Angels are travel companions.

Creation, angels meggenger of God.
The angel messenger of God, garden of Eden.
Marc Chagall, Biblical Museum, Nice, France.

Personal virtues, the angel in us

They put us in touch with the deepest personal desires that inhabit our inner abysses. They are a source of inspiration. Hence desire for a better, different, more constructive life, which is the innate aspiration of our heart.

God sends his angels to protect men. Especially when we assume an attitude of hidden inner difficulty or suffering. Wrong attitudes condemn us to the world. While positive attitudes support us in the midst of the instability of our life.

Attitude is what was called virtue.

That is: it is worth, to be perfect for. If we exercise a worthy virtue, our life will be successful. In Latin, virtue is called virtus. And the term alludes to the strength and firmness with which we live life.

By virtue there is a force that is able to transform our lives. That is why for the Greeks the virtue was areté, that is, the way of being of the noble and cultured man. Over the centuries, attitudes have been associated with angels.

In religions, angels are messengers of God. They explain to us what we don’t understand. They help to focus on the inner aspirations that we have lost or neglected in the hustle and bustle of everyday life. They help attitudes that are good for us.

Bronzino, Allegory of Love, angels messengers of virtue to guard men.
Agnolo Bronzino – Allegory of Love with Venus and Cupido, 1545, London, National Gallery.

You’re an angel

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH
LEBOOK TRATTA QUESTO ARGOMENTO

Call To Action

For he will command his angels concerning you to guard you in all your ways. They will lift you up in their hands, so that you will not strike your foot against a stone (Psalm 91:11-12).

When deeply love a person, I have a feeling that an angel has entered my life. I am a witness to love, I become a healthy bearer of it. I look with different eyes how much is around me, and who’s in front of me. 

If I feel love, I experience a new way of looking at things. Love introduces me to the mystery of divine love that is in me, a source that never dries up. I no longer need to create ideal love, I drink only at the source of divine love than in me.

Many people live irreconcilable with themselves, they have not resigned themselves to the fact that their lives have developed differently than they had planned. If I pray, the angel of love will reconcile me to myself once and for all.

Reconciling means making peace with oneself, agreeing in oneself for what one has become. People who are divided in themselves and not reconciled also produce divisions around themselves.

Apostle Paul says that the ministry of Christians is love and conciliation as a service, as God himself entrusted us (2 Cor 5:18).

Angels of the love, Marc Chagall,
Angel of love, Marc Chagall, Biblical Museum, Nice, France.

Safe security

Fear of the future is widespread, thus false prophets (pessimists and catastrophists regardless) find a sensitive point in the human soul and acquire power over many anguished people. By exploiting and making their difficulties even more difficult.

Safe security allows me to see with hope and confidence in the future, because I know that God guides and directs everything. Of course, faith is at the basis of everything. But even the hopes of those who do not believe is faith!

Those who trust know that an angel is always close. The angel supports and comforts them even if they walk among lions and snakes. They are no longer just a number at the mercy of fate, but they are loved, pampered and freed from all their anxieties.

O taste and see that the Lord is good. How happy is the man who trusts in Him! (Psalm 34:8). For that: The angel of the Lord stays close around those who fear Him, and He takes them out of trouble (Psalm 34:7).

We live too frantically

In our busy life we ​​quickly lose sight of what we have seen and experienced. We pass from one experience to another, without feeling anything. We are no longer able to savor what we live. We are internally torn, so nothing grows in us anymore.

We need patience for our development. We cannot immediately change ourselves. Change occurs slowly and imperceptibly. In patience there is also the strength to work with a view to change and transformation.

Letting go means getting involved. Those who abandon themselves to life, put themselves in life and in its movement. He does not hold back. It does not stiffen. But he surrenders to the flow of life. So that life can flourish and be reborn in him.

Those who abandon themselves to life get rid of the useless worries that torture them. Many friendships and marriages fail because everyone remains fixed in themselves. Whay everyone is afraid of abandoning themselves. Fear of losing one’s freedom.

You are afraid that the other person can do what he wants with you. Feeling delivered to his wickedness. Yet without this abandonment no relationship can succeed.

Angel. The courage to always be yourself.
Angel. The courage to always be yourself.

Courage and patience, angels of the interior strenght

Greek term thymos designates the soul, the emotional part of the soul, but it also means aspiring to something, wishing something ardently, craving something. Since the 16th century it has increasingly assumed the meaning of fortress.

Fortress is one of the four cardinal virtues. Indicates courage in the face of danger. It flows from the serenity of the spirit and demands willingness to sacrifice, a desire for success and personal affirmation.

Courage and strength are required not only of soldiers, but of every person. We all need courage to live our lives. We adapt too easily to others, take their ideas not to swim against the current.

Strongly we want liberalism, but we have taken on great uniformity. Today the media tell us how to be, how to think, how to dress, how to do. It takes great courage to be different, to be how good and right it is to be for me.

Often we are reproached for being weak in decisions, for removing any stance and for not wanting to bind ourselves. Decisions scare, of course. Nonetheless, when we are in front of an intersection we have to choose.

The road we choose sooner or later will lead us in any way to a gorge that we have to go through in order for our life to grow.

Wide way is the one that everyone follows, each of us must find our own personal way. And you have to have the courage to go all the way, even if we were to be alone. Only in this way will the path make us grow and guide us to our true life.

Enter through the narrow gate. For wide is the gate and broad is the road that leads to destruction, and many enter through it. But small is the gate and narrow the road that leads to life, and only a few find it (Mt 7:13-14).

Ready to be helped

Angel of courage helps us to face precisely what is necessary to do. He continually assists us with the tasks that life assigns to us and supports us in choosing what is necessary to do.

Patience is no longer in fashion today. Yet, in all religions, patience has a fundamental place to get closer to God or to the infinite interior. The Greek term that the Bible uses to indicate patience is hypomoné, which means to endure, resist.

She is understood in a passive sense, as if you had to accept everything that is simply there. Patience is not submission, it is not resistance at all costs, it is not to look away from what can be changed and what should be changed. But it’s life!

One must also have patience with oneself, with all those situations that cannot be changed immediately and require calm. We want to see the solution immediately. Often that solution is only postponed. It takes time for a flower to form.

For our development we need patience. We cannot immediately change ourselves. Change occurs slowly and imperceptibly. In patience there is also the strength to work with a view to change and transformation.

… We boast because of our hope in God’s glory. Not only that, but we also boast in our sufferings, knowing that suffering produces endurance, endurance produces character, and character produces hope (Romans 5:3-4).

Paul of Tarsus reinforces this statement about patience, especially as proven experience, urging the Colossians to trust because:

You are being strengthened with all power according to his glorious might, so that you might patiently endure everything with joy (Colossians 1,11).

Angel and sacrifice of Isaac by Marc Chagall,
Sacrifice of Isaac by Marc Chagall;
The angel stops Abraham, there is no longer any need to sacrifice his son Isaac.

Respect and understanding: angels

Feeling of respect originates from religion: it is the feeling of the unapproachable saint, who in the primordial experience of existence surrounded everything that is elevated, powerful, great.

Those who have respect do not take possession of what they admire. They give the necessary honor to the human being, to creation, to admiration. They don’t want to get insistently into another’s mystery. They respect the mystery.

Every true culture begins when man withdraws, when he recognizes his dignity to the person and his beauty at work. An authentic culture requires respect. In all religions, angels tell man to have respect for everything. For everyone. Men included.

I appreciate the person not for his performance, but because he is a person. Respect has in particular to do with estimation. If people feel appreciated and respected, they get up quickly. They rediscover their divine dignity and come back to life.

Today we need these angels of respect, especially now where we make public what belongs to the most personal and private sphere for futile reasons or for a minute of glory. Or because we believe that followers are the most important thing in life.

Respect has to do above all with greatness. Today we live mainly on envy. If a person is luckier than us, more successful than us, more esteemed than us, we must denigrate him at all costs. We have to make it smaller. And we rejoice if it happens.

Instead accept the greatness of each and rejoice. And rejoicing, you participate in the greatness of what you admire. You will elevate your person. And you will start to be fantastic and great even for those who put you in a corner until yesterday.

So you will have the space to discover your freedom and your dignity. I wish you could live alongside many respectable angels. Because you would increase the sensitivity to the deep mystery that is in you and would know what it means to be a person.

Joy of living: this phrase resonates with music and love. Say “yes” to life! Let yourself be enchanted! Anselm Grün shows us the path to deep happiness. Anyone can walk it. The Art of Joy

Angelic psychology

Psychology treats the sick by understanding them, without judging or condemning them. If a person feels understood, he expresses all that is in her. It no longer hides anything. She feels that everything in her has been accepted and declared good.

Understanding means that one does not use the other for himself, but that both have a good mutual relationship. It heals. And the heart of those who are the object of it widens. They return to breathe and receive a new stability. 

An angelic psychology is proposed by James Hillman, disciple of Jung, in the book: The soul code. Examine the myth of the Guardian Angel, as a personalization that provides the character’s imprint from birth to every human being.

Hillman maintains that the guardian angel, as Spiritus rector, watches over every human being, but must be activated, met and recognized, to develop a deeper awareness of the individual soul and Anima Mundi in which we are immersed.

If we live alone through a consciousness of material things, however scientific, logical, reasonable, we live far from the reality of the soul-psyche and will probably be subjugated by its negative demons.

Negativity consists precisely in keeping matter and spirit separate, in making a connection impossible and therefore in remaining fixed on the material or spiritual pole in a sort of diabolicity. Instead, we must unite them to live what touches us.

Plato and the Greeks called it daimon, the Romans genius, the Christians Guardian Angel – and today we use terms such as heart, spirit and soul. For James Hillman it is the central and guiding force of his utterly unique and compelling acorn theory.

The silence of the universe loves us. The angel in us.
When we fear the silence of the universe, it means
that our inner growth has begun. Have a good trip.

The angel of silence

Angels are sweet beings. You can’t hold them back. They come suddenly and you have to be open to meet them. They arrive with a light step and you need a lot of silence to notice them.

In our turbulent world we need a lot of silence to restore ourselves internally. The angel could meet you in the art of silence, in the healthy atmosphere of silence. Create silence!

Medicine for our soul is silence. Tagore addresses this invitation to us: immerse your soul in the silence. In fact, only in silence is authentic knowledge realized. Silence is the fruit of wisdom and contains knowledge of all things.

Silence prepares us to listen in the right way, to distinguish the tones of the speaker. It is the prerequisite for perceiving the voice of God in our heart.

The mystics are convinced that in everyone there is a space of silence to which thoughts and feelings, desires and needs do not have access. It is the space in which others cannot enter with their expectations and requests, judgments and prejudices.

It’s inside me and it’s just my. I am truly free there. Nobody has power over me or can harm me. I am safe and sound. The angel of silence continually reminds you that this space of silence already exists within you. It is not necessary to create it.

You just have to get in touch with the silence that is within you and that is capable of healing you. There is something pure and frank there that cannot be disturbed by the noise of the world. YOU!

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH
LEBOOK TRATTA QUESTO ARGOMENTO

Call To Action
Categories
Religione

Il silenzio, il concime dell’essere vita.

Se la parola è la fucina della creazione in tutte le sue declinazioni, il silenzio ne è il principio ispiratore. Parola e silenzio sono fratelli che corrono mano nella mano incontro all’umanità e la stimolano ad essere in continuo divenire. Per tale motivo, in tutte le religioni, il silenzio ha un ruolo di primaria importanza.

Il silenzio è il motore della propria crescita, non solo spirituale ma anche esistenziale. La parola viene generata e riposa nel silenzio. Attraverso il silenzio, l’ascesi fa percepire la forza della parola. Il connubio è fortissimo. 

Una religione senza silenzio che conduce alla spiritualità interiore si riduce nel migliore dei casi a mera cultura e nel peggiore a folclore e ritualismo. La religione, qualunque credo essa abbracci, è la cultura dello spirituale; è l’interiorità che inventa forme nuove di appartenenza, più consone al proprio linguaggio e alla propria sensibilità.

L’interiorità è sostanzialmente silenzio. Per questo può essere definito interiorità, perché chi lo vive si è fermato e si è messo ad ascoltare. Ha abbanodonato il flusso delle attività fisiche e ha messo a tacere quello dei pensieri, così da poter ricevere quello che c’è: il dono del reale.

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH
L‘EBOOK TRATTA QUESTO ARGOMENTO

Call To Action
Il silenzio è il teatro della propria vita
Il silenzio conduce ad esplorare sentieri sempre nuovi e stimola la voglia di avventura innata in ciascuno di noi. Il silenzio è il teatro della propria vita così com’è, senza veli o maschere.

I sentieri del silenzio

La storia delle religioni offre numerose e dotte opere sul silenzio. Il silenzio attrae e insieme respinge, esattamente come il sacro, perché ci ricorda la morte. Effettivamente vi è uno stretto legame tra morte e silenzio. Imparare a fare silenzio significa anche imparare a morire; non a caso imparare a morire è lo scopo della filosofia e della vita spirituale.

Il vertice della sapienza umana consiste proprio nell’imparare a morire, cioè nel non avere più paura della morte. Le grandi tradizioni spirituali collegano la saggezza in modo inversamente proporzionale alla quantità di parole usate: meno si parla, più si è saggi. Pitagora esigeva addirittura cinque anni di silenzio per gli aspiranti filosofi.

Il libro dei Proverbi dice: “Chi è parco di parole possiede la scienza, uno spirito silenzioso è un uomo intelligente” (17, 27). Il saggio è colui che parla poco. Perché ha una cosa più importante da fare: ascoltare. La dimensione spirituale più è matura, più è legata alla capacità di ascoltare, cioè fare sì che il silenzio parli per essa.

Il silenzio nelle religioni

Nell’induismo il silenzio non è contrapposizione alla parola, non è assenza di parola, ma è essenza di tutto. Nei Veda, la ricerca del silenzio si fonda sulla sillaba Om che contiene tutto l’universo e tutta la sua forza ispiratrice. Infatti sta scritto: gli stadi inferiori si apprendono nella parola, gli stadi superiori nel silenzio.

Nell’islam, tra i 99 nomi di Dio non c’è il silente, ma c’è assami che è colui che ascolta. Non solo Dio, ma anche l’uomo deve essere silenzioso per ascoltare Dio che gli parla. Dio parla attraverso la creazione e la rivelazione. Dio è colui che ascolta in silenzio ma anche colui che parla in silenzio. Il silenzio diventa parola e la parola diventa silenzio. Nel Corano si parla del silenzio nella Sura 19, in cui si racconta di Zaccaria, padre del futuro Giovanni Battista, e del suo silenzio come un segno, come testimonianza e come prova. Nella stessa Sura Maria, madre del futuro profeta Gesù, è invitata da Dio dopo il parto a fare un digiuno della parola, un digiuno nel silenzio. In arabo il termine il silenzioso è contrapposto al termine il parlante, che possiamo individuare come la contrapposizione tra interiore ed esteriore.

Nel buddismo si parla di silenzio sacro, si parla del nobile silenzio. Il nobile silenzio non consiste nel tacere perché non si vuole dire quello che si avrebbe da dire o perché si vuole nascondere un segreto, ma è la pietra filosofale personale che si è trovata. Il nobile silenzio è nobile perché non ha niente da dire inutilmente. E siccome non ha niente da dire non nasconde niente, ma placa le inquietudini che potrebbero sorgere da noi. Il silenzio non è altro che essere come si è, e vede ciò che semplicemente è com’è

Nell’ebraismo il silenzio è la forma più autentica del manifestarsi del Signore. Cioè, vedere il Silenzio (Is 6,1). La voce di vento leggero che si rivolge a Elia (1Re 19,12) è nella tradizione ebraica la voce sottile del silenzio. La voce del silenzio è una teologia del Silenzio, ovvero una teologia che fa del Silenzio il Logos stesso di Dio. Questo Silenzio va anzitutto ascoltato. Poiché il Silenzio soltanto è infinito, non si lascia catturare da alcun logos, né definire filosoficamente come sostanza o fondamento. Il Silenzio, dunque, parla, e proprio nel suo tradirsi in parola interpretante rivela se stesso.

Nel cristianesimo la parola di Dio è tutta intrisa del suo silenzio. Infatti il cristianesimo è la fede in una Parola che sta sospesa tra due silenzi: il silenzio dell’origine e il silenzio del destino, il silenzio fondale e il silenzio dello Spirito che in noi lascia che la parola taccia e si dica nella vita. Il Verbo sta tra i due silenzi. Il cristianesimo è dunque sospeso come Parola tra due Silenzi. Al centro del cristianesimo c’è la Parola. La Parola è la porta del Silenzio, e il dovere del cristiano è la trasgressione della Parola. Non la trasgressione di fare quello che si vuole o ci aggrada, ma la difficile e tragica trasgressione di obbedire alla parola, cioè di essere in rapporto reciproco con la parola, ascoltandola nel silenzio e penetrandola nel silenzio.

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH
L‘EBOOK TRATTA QUESTO ARGOMENTO

Call To Action
Categories
Itinerari

La penisola degli apostoli, perché sono sepolti in Italia.

Recentemente ho imballato la mia libreria per un trasloco. Non ci si rende mai conto della quantità di libri che si accumulano nel corso degli anni prima di doverli sistemare in uno scatolone per una nuova destinazione.

È un lavoro certamente faticoso, ma le sorprese non mancano. Soprattutto quando non hai la completa memoria dei libri che possiedi. E quando ciò accade, la gioia per una scoperta impensata di invade il corpo e suscita spasmi di meraviglia.

Un piccolo saggio attira la mia attenzione: la penisola degli apostoli. Poche pagine, ma piene di foto e di notizie sulla sepoltura degli Apostoli in Italia. Del perché di questa scelta, e di come vi siano arrivati. E dove sono sepolte le reliquie degli Apostoli.

libri da imballare
Memoria e crescita di civiltà e culture.

Memoria e crescita personale

E la mente torna indietro nel tempo. Alla gioventù, ai primi studi sulla storia del cristianesimo. Alle domande sul perché la maggior parte delle reliquie degli apostoli, degli evangelisti e della sacra famiglia fossero sepolte in Italia e non altrove. Risposte che ho trovato solo in seguito.

La memoria, la crescita interiore e collettiva del luogo dove siamo nati ci appartengono come l’aria che respiriamo, negarlo è negare noi stessi e la nostra personalità. È negare il nostro essere vita!

Sono convinto che le chiese, le cattedrali, i duomi, custodi di reliquie e di testi virtuali e cartacei, siano uno strumento essenziale per combattere la solitudine di non sentirsi appartenenti alla società in cui si vive. E sono pronto a farmi paladino del loro ruolo di memoria e di esperienza che hanno impregnato la cultura alla quale apparteniamo.

Perché l’Italia

I luoghi che sentiamo per noi fondamentali resistono anche alla distruzione materiale. E questo è ciò che accadde agli Apostoli dopo la condanna a morte di Gesù con l’accusa di sedizione. Ovvero, l’accusa di voler sovvertire in modo violento e illegale l’ordine costituito di Israele di quel tempo.

Pure gli Apostoli e quanti si erano dichiarati fedeli alle parole di Gesù, anche se non esplicitamente sottoposti a giudizio, furono condannati e messi al bando e perciò costretti a starsene rintanati prima e a lasciare Israele dopo l’ascesa di Gesù al cielo.

La scelta di Simone-Pietro di raggiungere Roma, il cuore dell’impero, è dettata anche dal fatto che i romani, checchè se ne pensi appoggiarono il movimento di Gesù di Nazareth in modo indiretto, attraverso ebrei della diaspora di cui Filone di Alessandria ne era il portavoce.

Il mio libro Dossier Judas, in vendita su questo sito, parla proprio di questi avvenimenti e vengono narrati da Giuda detto l’Iscariota.

Roma, tanto odiata in patria ma crocevia di culture e popoli, diventa così il luogo ideale dove far ripartire il pensiero e l’ideale di Gesù. Qui, la gente è avvezza alla conoscenza di nuove filosofie e di nuovi dei, e non condanna a priori coloro che ne divulgano il verbo. Ecco perché si trovano qui molte reliquie degli Apostoli.

Caput mundi

Nella tradizione ebraico-cristiana la parola è il principio di ogni cosa. La lingua che parliamo non è solo uno strumento per comunicare con gli altri nel modo migliore che possiamo, ma è presentare noi stessi per quello che siamo. La lingua è il nostro dna, per quanto limitata, imprecisa e spesso infedele.

La lingua che parliamo ci definisce. I nostri pensieri, la nostra etica, la nostra estetica sono tutti definiti dalla nostra lingua. Il passaggio da una lingua all’altra implica più che un processo di riconoscimento un processo di riconversione, inteso come senso profondo di cambiamento del proprio sistema di credenza e di fede.

Il latino diventa così la lingua ufficiale del primo cristianesimo. E con esso, anche il modo di pensare e di esprimere gli insegnamenti di Gesù cambiano orizzonti e vedute. Da pensiero stanziale e limitato ad una sola area, Israele, diventa pensiero universale. Diventa pensiero multietnico.

Gli apostoli hanno capito che per combattere i lupi bisogna stare in mezzo ai lupi. E il branco di minor danno è proprio la odiata Roma e la sua cultura aperta a tutte le esperienze di vita e di pensiero.

Le tombe degli apostoli

Osservando l’ubicazione delle tombe e delle reliquie degli apostoli, notiamo che esse sono tutte lungo le vie consolari maggiori, quasi a testimoniare che Roma è il centro del nuovo ordinamento religioso che sta nascendo e da essa si dirama in tutte i paesi del mondo allora conosciuto.

Seguendo l’itinerario delle tombe, partendo proprio da Roma, scopriamo un Italia sconosciuta e troppo spesso trascurata: quella dei cammini di fede, come la via Frangigena o la via Romea, che in antichità erano percorsi dai pellegrini di ogni paese.

La maggior parte delle reliquie degli apostoli sono sepolte a Roma. Simone detto Pietro, Giuda lo zelota, e Giuda Taddeo nella Basilica di San Pietro. Nella Basilica XII Apostoli, ci sono le reliquie degli apostoli Filippo e Giacomo il minore. Sempre a Roma sparse per le varie Basiliche reliquie diverse degli apostoli.

Simone detto Pietro

Basilica di San Pietro, Roma. Tomba di san Pietro e necropoli.
Con la morte di Simone detto Pietro a Roma è l’inizio dell’ascesa del cristianesimo nel mondo.

La Tomba di Pietro si trova sotto l’altare della basilica omonima in Roma, nella Necropoli Vaticana, un cimitero di epoca romana. Da non confondere con le Grotte Vaticane. Queste sorgono tre metri sotto l’attuale pavimento della basilica mentre la Necropoli si trova ad un livello ancora inferiore, tra i cinque e i dodici metri sotto il pavimento della basilica.

La Necropoli era posta accanto al circo di Nerone, ai piedi del colle Vaticano, il luogo dove Pietro subì il martirio. Quando l’imperatore Costantino decise di edificare la basilica originaria, la Necropoli fu interrata divenendo una solida base per le fondamenta dell’edificio. 

Simone lo zelota

Simone lo zelota inizia a predicare in Egitto, con molta probabilità in compagnia di Bartolomeo ma verso il 60 d.C. fece ritorno in Galilea, dove fu coinvolto, dati i suoi trascorsi tra gli Zeloti, nella repressione che seguì la seconda guerra giudaica.

Secondo alcune fonti fu proprio per sfuggire ai Romani che si spostò con i suoi seguaci in Persia, dove si riunì ad un altro Apostolo, Giuda Taddeo, insieme al quale continuò l’opera di evangelizzazione nelle regioni della Mesopotamia e in Persia, spingendosi anche verso l’Armenia.

La tradizione cattolica lo vuole martirizzato insieme a Giuda Taddeo nella città persiana di Suanir. Altre fonti affermano che egli non fu martorizzato a Suanir ma sopravvisse ancora per molti anni, subì il martirio all’età di oltre cento anni in Abcazia, sulle sponde nord-orientali del mar Nero.

Particolarmente cruente le modalità del martirio, Simone fu fatto a pezzi con una sega, probabilmente dopo aver subito la crocifissione. Per tale ragione viene spesso raffigurato con una sega in mano.

In ogni caso, il legame con Giuda Taddeo fu molto forte e le reliquie dei due apostoli sono sepolte in San Pietro a Roma.

Vaticano, Roma. Qui dimorano le reliquie di alcuni apostoli.
Vaticano, Roma, qui oltre a Simone-Pietro sono sepolti anche Simone lo zelota e Giuda Taddeo.

Giuda Taddeo

Uno scritto narra che Taddeo abbia incontrato l’apostolo Simone Zelota in Persia, insieme al quale evangelizzò quel regno. Nonostante la continua ostilità dei maghi Zaroes e Arfaxat, la predicazione dei due Apostoli ottenne risultati eccezionali. 

Giunti nella città di Suanir nella Colchide, ai due Apostoli fu imposto di offrire un sacrificio al sole e alla luna nel Tempio del Sole, ma essi risposero che il sole e la luna erano solo creature di quel Dio che essi annunziavano.

E per testimoniare ciò, scacciarono i demoni che soggiornavano nel Tempio. Ma due figure nere, demoni terrificanti, tra ululati e bestemmie, riuscirono a fuggire e a dirigersi verso la città. 

Allora i sacerdoti e il popolo impauriti si precipitarono sui due Apostoli. I due furono uccisi da sassate, lance e colpi di mazza. In particolare, dopo essere stato trafitto da lance e mazze, Giuda Taddeo sarebbe stato finito con un colpo d’ascia sulla testa.

Per questo nell’arte l’apostolo Giuda Taddeo è rappresentato con una mazza pesante o una lancia nelle mani. La tradizione racconta che un re poi avrebbe fatto trasportare i corpi dei due nella sua città residenziale, dove avrebbe edificato una chiesa in marmo a forma di ottagono e avrebbe composte le salme in un sarcofago d’argento all’interno di una camera rivestita di lamine d’oro.

Cripta Basilica dei santi XII Apostoli, Roma. Qui dimorano le reliquie di Giuda Taddeo e Simone lo zelota.
Basilica dei Santi XII Apostoli, Roma, le reliquie degli apostoli Filippo e Giacomo il minore.

Filippo

Filippo, originario di Betsaida come gli apostoli Andrea e Simone, parlava il greco. È lui l’apostolo al quale si rivolge Gesù nel miracolo della prima moltiplicazione dei pani e dei pesci (Gv 6, 5-13). E questo episodio rimarrà caratteristica iconografica nelle rappresentazioni artistiche della sua figura.

Successivamente agli eventi narrati dagli Atti, Filippo evangelizza la Samaria e Cesarea. In questo periodo, converte Simon Mago. Il capitolo 8 degli Atti viene anche chiamato Atti di Filippo (da non confondere con l’omonimo testo apocrifo).

La sua morte avvenne per martirio, al tempo dell’imperatore Domiziano (81-96), mediante la stessa pena alla quale era stato condannato, molti anni prima, Pietro, e cioè la crocifissione inverso capite (a testa in giù).

La tradizione riporta che era sposato e con figli. La sua morte è avvenuta a Hierapolis. Esistono più versioni sulle modalità della morte: secondo alcuni crocifisso, secondo altri invece in tarda età e per cause naturali.

Giacomo il minore

Giacomo figlio di Alfeo, viene detto il Minore per distinguerlo da Giacomo figlio di Zebedeo (fratello di Giovanni) detto il Maggiore e da secoli venerato a Santiago Compostela. Nella Prima lettera ai Corinzi, Paolo dice che Gesù, dopo la risurrezione “apparve a Giacomo e quindi a tutti gli apostoli”. Lo chiamano Giusto per l’integrità severa della sua vita.

Incontra Paolo, già persecutore dei cristiani e ora convertito, e lo accoglie con amicizia insieme a Pietro e Giovanni. Al concilio di Gerusalemme, invita a “non importunare i convertiti dal paganesimo con l’imposizione di tante regole tradizionali“. Si mette, insomma, sulla linea di Paolo.

Dopo il martirio di Giacomo il Maggiore nell’anno 42 e la partenza di Pietro, Giacomo diviene capo della comunità cristiana di Gerusalemme. È l’autore della prima delle lettere cattoliche del Nuovo Testamento. In essa, si rivolge alle dodici tribù disperse nel mondo, ossia ai cristiani di origine ebraica viventi fuori della Palestina.

È un primo esempio di enciclica: sulla preghiera, sulla speranza, sulla carità e inoltre con espressioni molto energiche sul dovere della giustizia. Secondo lo storico Eusebio di Cesarea, Giacomo viene ucciso nell’anno 63 durante una sollevazione popolare istigata dal sommo sacerdote Hanan, che per quel delitto sarà poi destituito.

Morì ucciso con un bastone e poi il corpo venne gettato giù dal tempio di Gerusalemme probabilmente nel 62 d.C. Il suo simbolo è appunto un bastone da gualcheraio, usato per cardare la lana che aveva un’estremità di metallo, triangolare ed uncinata.

Andrea il Protocletos

Duomo di Amalfi, qui dimorano le reliquie dell'apostolo Andrea.
Duomo di Amalfi, Italia, nella cripta è sepolto l’apostolo Andrea.

Andrea denominato dalla tradizione ortodossa Protocletos o il Primo chiamato, era il fratello di Simone detto Pietro. La tradizione vuole che Andrea sia stato crocifisso a Patrasso su una croce detta Croce decussata (a forma di X) e comunemente conosciuta con il nome di Croce di Sant’Andrea. Questa venne adottata per sua personale scelta, dal momento che egli non avrebbe mai osato eguagliare Gesù nel martirio.

Secondo la tradizione, dopo il martirio, le reliquie di Andrea vennero spostate da Patrasso a Costantinopoli. Leggende locali dicono che le reliquie vennero vendute dai romani. Sofronio Eusebio Girolamo scrisse che le reliquie di Andrea vennero portate da Patrasso a Costantinopoli per ordine dell’imperatore romano Costanzo II nel 357. Qui rimasero sino al 1208 quando le reliquie vennero portate ad Amalfi, in Italia, dal cardinale Pietro Capuano, nativo di Amalfi

Matteo detto Levi

Cripta Duomo di Salerno. Qui dimorano le reliquie dell'apostolo Matteo.
Duomo di Salerno, Cripta, Sepolcro di Matteo l’apostolo.

Le reliquie di Matteo detto Levi sarebbero giunte a Velia, in Lucania, intorno al V secolo, dove rimasero sepolte per circa quattro secoli. Il corpo di Matteo fu rinvenuto dal monaco Atanasio nei pressi di una fonte termale dell’antica città di Parmenide.

Le spoglie furono portate da Atanasio presso l’attuale chiesetta di San Matteo a Casal Velino in provincia di Salerno. Il modesto edificio dalla semplice facciata a capanna presenta, alla destra dell’altare, l’arcosolio, dove secondo tradizione furono depositate le sacre reliquie del Santo.

Un’iscrizione latina piuttosto tarda (XVIII sec.), incastonata sul lato corto dell’arcosolio, ricorda l’episodio della traslazione; successivamente le ossa furono portate presso il Santuario della Madonna del Granato in Capaccio-Paestum. Ritrovate in epoca longobarda, furono portate il 6 maggio 954 a Salerno, dove sono attualmente conservate nella cripta della cattedrale.

Bartolomeo o Natanaele

Apostolo Bartolomeo, giudizio universale, Cappella Sistina, Roma
Bartolomeo mostra la sua pelle, Giudizio Universale, Cappella Sistina, Vaticano, Roma.

Subì il martirio intorno al 60 d.C., ad Albanopolis in Armenia. La tradizione vuole che sia stato spellato vivo. Infatti nell’iconografia classica egli appare tenendo in mano la propria pelle sanguinante. Celebre l’immagine dipinta da Michelangelo nella Cappella Sistina.

Le reliquie traslate in Mesopotamia giunsero a Lipari intorno al III-IV secolo d.C. In seguito all’invasione degli Arabi in Sicilia, le spoglie furono recuperate dal principe longobardo Sicardo, che nel 838 le fece trasportare a Benevento, capitale del Ducato longobardo. Le reliquie dell’apostolo sono ancora conservate nella basilica di Benevento.

Tommaso detto didimo

Apostolo Tommaso, cripta reliquie, cattedrale San Tommaso Apostolo, Ortona.
Cattedrale San Tommaso apostolo, Ortona, tomba dell’apostolo Tommaso.

Fra gli evangelisti solo Giovanni ricorda l’apostolo Tommaso. Il nome Toma in aramaico vuol dire gemello, come il greco Didimo. Non si sa nulla della sua origine, né delle circostanze della sua vocazione. Compare per la prima volta nell’episodio della resurrezione di Lazzaro. 

Nell’Ultima Cena Gesù, presentendo la fine, dice: “Del luogo dove io vado, voi conoscete la via”. Poi rivolto a Tommaso, che aveva detto di non conoscerla, aggiunge: “Io sono la via, la verità e la vita”. (Gv 14)

Ma l’episodio per cui Tommaso è ricordato da tutti, è quello in cui Gesù risorto compare agli Apostoli, e si fa riconoscere. Tommaso, che in quell’occasione non c’era, non crede alla loro testimonianza, e dice di voler vedere e toccare le ferite. Otto giorni dopo Gesù ricompare, e questa volta Tommaso è presente. Gesù lo invita a mettere la mano nella ferita nel costato, e Tommaso lo riconosce come Dio.

L’ultima citazione di Tommaso nei libri canonici è negli Atti, dove compare come testimone dell’Ascensione di Gesù al cielo. Un’antica tradizione, raccolta nella Legenda aurea di Jacopo da Varagine, ricollega Tommaso proprio a questo avvenimento.

Dopo la morte della Vergine, Gesù stesso fece porre il suo corpo in un sepolcro, poi dopo tre giorni lo riunì all’anima e l’accolse in cielo. La cintura di Maria cadde, ancora stretta, nelle mani di Tommaso. Secondo alcuni, come segno di particolare predilezione, secondo altri, per vincere la sua incredulità e per questo venne confermato da questo segno.

Nel IV secolo le reliquie di Tommaso furono trasportate dall’India ad Edessa, in Asia Minore; poi, nel 1258, ad Ortona (Chieti).

Mattia

Apostolo Mattia, Arca reliquie, Santa Giustina, Padova
Basilica Santa Giustina, Padova, Arca contenente le ossa di Mattia apostolo.

Mattia, abbreviazione del nome ebraico Mattatia, che significa dono di Jahvè, fu eletto al posto di Giuda detto l’Iscariota, per completare il numero simbolico dei dodici apostoli, raffigurante i dodici figli di Giacobbe e quindi le dodici tribù d’Israele. Secondo gli Atti apocrifi, egli sarebbe nato a Betlemme, da una illustre famiglia della tribù di Giuda.

Le reliquie dell’apostolo Tommaso sono contenute in un’arca marmorea custodita nel transetto dell’Abbazia di Santa Giustina a Padova, a poca distanza dall’arca dell’evangelista Luca.

Le reliquie degli apostoli mancanti

Le uniche reliquie degli apostoli mancanti in Italia sono quelle dell’apostolo Giacomo il maggiore, di Giovanni e di Giuda detto l’Iscariota.

Il sepolcro contenente le spoglie di Giacomo il maggiore, traslate da Gerusalemme dopo il martirio, sarebbe stato scoperto al tempo di Carlomagno nell’814. La tomba divenne meta di grandi pellegrinaggi medioevali, tanto che il luogo prese il nome di Santiago da Sancti Jacobi, in spagnolo Sant-Yago, e nel 1075 fu iniziata la costruzione della grandiosa basilica a lui dedicata in Galizia, nel Nord della Spagna. Ancora oggi il Cammino di Santiago è una delle mete europee e internazionali più frequentate dai pellegrini.

Giovanni rappresenta un caso particolare tra i dodici apostoli poiché la tradizione lo indica come l’unico morto per cause naturali e non per martirio. Oltre agli Atti di Giovanni, alcune indicazioni patristiche sono concordi nel datare la morte a Efeso sotto l’impero di Traiano (98-117) e Girolamo specifica la data con precisione al 68º anno dopo la passione del Signore, cioè nel 98-99.

Altro discorso a parte è l’apostolo Giuda detto Iscariota, egli non è morto impiccato come dicono i vangeli subito dopo la condanna di Gesù. Dagli Atti degli Apostoli risulta essere presente con i dodici durante le apparizioni di Gesù dopo la sua morte. Giuda detto Iscariota scompare semplicemente dalla scena con l’ascesa di Gesù al cielo. Per saperne di più su di lui e la sua storia ho scritto il libro Dossier Giuda, chi era veramente l’apostolo fatto scomparire dai vangeli.

Categories
Religione

Dossier Giuda: chi è l’apostolo fatto scomparire dai vangeli?

Nel mio primo libro, o Teofilo, parlai di tutto quel che Gesù prese e a fare e ad insegnare, fino al giorno che fu assunto in cielo, dopo aver dato per lo Spirito Santo dei comandamenti agli apostoli che aveva scelto. Ai quali anche, dopo che ebbe sofferto, si presentò vivente con molte prove, facendosi veder da loro per quaranta giorni, e ragionando delle cose relative al regno di Dio. E trovandosi con essi, ordinò loro di non dipartirsi da Gerusalemme, ma di aspettarvi il compimento della promessa del Padre, la quale, egli disse, avete udita da me. Poiché Giovanni battezzò sì con acqua, ma voi sarete battezzati con lo Spirito Santo fra non molti giorni.

Quando ho letto questo testo per la prima volta, versetti 1-5 del 1 capitolo degli Atti degli Apostoli, sono rimasto senza parole. Perché essi aprivano scenari e interrogativi nuovi intorno alla figura di Giuda detto l’Iscariota. Primo tra tutti, la negazione della sua morte per impiccagione dopo la condanna di Gesù.

Gli Atti sono stati scritti da Marco tra il 60 e il 65 del I secolo della nostra era, e rappresentano il primo scritto cristiano. Perciò i versetti appena accennati mettevano in discussione tutta la struttura dei Vangeli su Giuda detto l’Iscariota, e l’intera dottrina della Chiesa Cattolica Romana su di esso. Per tale motivo la narrazione successiva di alcune figure menzionate nei Vangeli andava rivista e riscritta.

Per essere certo che la Bibbia che leggevo non fosse oggetto di errori di stampa o di traduzione, ho consultato anche altre Bibbie. In diverse lingue e di diverse epoche. Tutte traducevano allo stesso modo. Tutte davano la stessa versione!

Dossier Giuda: papiro trovato ad Alessandria contenente notizie sul rabbi Jehoshua.
Papiro contenente notizie su Jehoshua ben Yosif.

Nell’anno 26 del regno di Gaius Iulius Caesar Octavianus Augustus, corrispondente all’anno 3757 dalla fondazione di Sion, Gerusalemme è teatro della nascita di tre maschi che rivoluzioneranno la storia dei popoli futuri. Essi nasceranno a distanza di pochi mesi uno dall’altro. E per sangue o per discendenze tramite matrimoni incrociati, sono parenti tra di loro.

I loro nomi sono, in ordine di nascita: Yehōchānān ben Zĕkaryāh, noto con il nome di Giovanni il Battezzatore; Jehoshua ben Yosif, noto con il nome di Gesù di Nazareth; Eleazar ben Shimon, noto con il nome di Giuda detto l’Iscariota.

Giuda è presente nel gruppo dei dodici apostoli anche dopo la morte di Gesù. E quale componente dei dodici, assiste più volte all’apparizione di questi dopo la sua morte. Ed è anche presente durante i quaranta giorni in cui gli apostoli ebbero le visite di Gesù e ascoltarono i suoi insegnamenti.

Quaranta giorni erano, e sono, il tempo necessario, secondo Tradizione ebraica, perché un profeta, un sacerdote o un predicatore sia purificato e pronto ad intraprendere il suo mandato. È questo il tempo trascorso dalla morte all’ascensione di Gesù secondo i Vangeli.

Giuda scompare dalla scena e dall’economia dei vangeli con la salita di Gesù al cielo, come se i due fossero uniti in modo indissolubile. Nel tempo che va dalla morte alla salita al cielo di Gesù, Giuda, quale sacerdote reale ed effettivo, istruisce gli apostoli sulle parole dette da Gesù ad ogni apparizione e li prepara ad essere sacerdoti laici, cioè sacerdoti per nomina non per discendenza. Inaugura così la forma ecclesiale del sacerdozio odierno.

Dossier Giuda: chi è veramente l’apostolo fatto scomparire dai vangeli?

Il mio libro Dossier Giuda, frutto di anni di ricerche e di confronti con le fonti diverse che ho consultato, vuole rispondere alle domande: chi è veramente l’apostolo chiamato Giuda? Perché i Vangeli hanno calato su di lui un velo di oblìo e di maldicenze? Perché Giuda detto l’Iscariota è stato tacciato di tradimento e il suo nome stracciato dagli avvenimenti che hanno coinvolto i dodici durante la vita di Gesù?

Eccetto per i pochi riferimenti, 13 in tutto i Vangeli, e per giunta tutti negativi nei riguardi dello stesso, perché era necessario che questa lieve traccia di presenza e di appartenenza al gruppo dei dodici rimanesse nei Vangeli? Evidentemente l’apostolo chiamato Giuda l’Iscariota non è quello che ci hanno detto e voluto far credere, ma tutt’altro. Cosa allora?

A queste e ad altre domande vuole rispondere il mio libro Dossier Giuda. E a rispondere è proprio la voce narrante dello pseudo Giuda, che ricostruisce gli avvenimenti storici accaduti del periodo in esame. Luoghi, personaggi, descrizioni di vita quotidiana, e tutto quanto è la vita di fede dell’ebraico, è vero e reale. Compreso i dialoghi tra i personaggi narrati nel libro.

Ordina ora la tua copia a prezzo speciale di euro 9,99

Categories
blog

Hosting superveloce e il tuo sito vola ed è sempre in forma.

Benvenuti nel mondo digitale

Accidenti, il mio sito è lento. Una lumaca è più veloce. Diavolo di un hosting muoviti! Eppure l’ho pagato molti soldi! Possibile che non riesco a caricare una pagina. E se ci riesco, ci vogliono cinque minuti. Le foto, le mie foto dove sono?

Questi ed altri tormenti sono le ansie di chi possiede un sito. Benvenuti nel mondo digitale. Il mondo dove tutto è possibile e niente è impossibile, almeno a parole. Ma è proprio vero? Penso di no! Chiedere a chi come me con il sito ci lavora. I mal di pancia sono all’ordine del giorno, sempre.

Più che cybernauti sembriamo dei Don Chisciotte che lottano contro i mulini a vento perennemente. E chissà perché i mulini hanno sempre la meglio!

Stanco di sentirmi un incapace nelle nuove tecnologie e nel linguaggio informatico, mi sono messo alla ricerca di un hosting che facesse al mio caso e mi aiutasse a risolvere i problemi che il sito si inventava ogni giorno. Ma quale scegliere?

Quale scegliere

Inizia la mia ricerca. Ho scritto la parola “hosting” nella ricerca del browser e il risultato è stato una miriade di siti che prospettavano soluzioni mirabolanti e panacee per ogni necessità. Il problema vero però era che una soluzione escludeva l’altra, e perciò i miei problemi permanevano. Anzi, ero ancora più confuso.

hosting which to choose
Efficient hosting improves site performance.

Poi un giorno per pura casualità mi sono imbattuto in un banner che pubblicizzava un hosting che offriva un mese di prova gratuito e un piano di ingresso molto vantaggioso economicamente. Incuriosito sono andato a cuoriosare nel sito dell’hosting.

Siteground offer plans.
SiteGround offer plans.

La società di hosting si presenta al pubblico in questa modo: “In SiteGround, inventiamo costantemente le nostre soluzioni di velocità e sicurezza e apportiamo miglioramenti al servizio. Una delle cose che ci distingue dagli altri host web e che può essere facilmente testato anche se non sei un cliente. Il nostro servizio di assistenza clienti è il più votato. Il nostro team rapido e competente è felice di aiutare i clienti con i loro problemi di hosting 24/7 su tre canali: chat, telefono e tickets e in 3 lingue“.

Li prendo in parola e li metto alla prova per risolvere le problematiche del mio sito, non tutte solo quelle che mi stavano più a cuore: lentezza di caricamento del sito, ottimizzazione delle immagini, plugin di e-commerce affidabile e semplice.

 Non solo mi hanno risolto i problemi ma mi hanno anche omaggiato di un tema WordPress e dei relativi plugin adatti alla filosofia del mio sito. Il nostro matrimonio dura da tre anni ormai.


Felice convivenza

Per fornire ai clienti l’infrastruttura di hosting più veloce per i loro siti, SiteGround ha creato una piattaforma su container Linux con dischi SSD. Hanno sviluppato il servizio di memorizzazione nella cache Web, chiamata SuperCacher per aumentare ulteriormente la velocità di caricamento dei siti.

Inoltre i clienti sfruttano le ultime tecnologie di velocità: QUIC, HTTPS, ultime versioni di PHP e altro ancora. Infine, tutti i  piani sono dotati di CDN gratuiti Cloudflare CDN, che rendono i siti molto veloci da ogni parte del mondo.

SiteGround prende sul serio la sicurezza dei siti Web e i tempi di attività. Sviluppano soluzioni per proteggere i siti dei clienti su tre livelli: applicazione, server e rete. Il loro team di sicurezza mantiene un Web Application Firewall (WAF) con regole personalizzate che bloccano numerose vulnerabilità del software di terze parti.

Allora perchè non provare?

Io l’ho fatto, fallo anche tu.

Clicca sul banner sotto e prova personalmente.

Web Hosting

Categories
Ebook

E luce sia! La kabbalah si racconta nella vita quotidiana

E luce sia! più che un libro è una riflessione personale ad alta voce sulla Kabbalāh ebraica, con incursioni in quella cristiana. Cercando di entrare nelle profondità che la parola comunica e trasmette alla sensibilità di chi ascolta.

  1. Non vuole avere l’etichetta di un libro specialistico ma solo la pretesa, forse arrogante, di essere un block notes dove ho preso appunti per elaborare i miei pensieri.

Diario di viaggio

Ogni cosa ha il suo tempo, perché il tempo conosce il momento
e le modalità giuste per attuare ciò che deve vedere la Luce.

E luce sia!
Tutto è Luce, vivere nella Luce è vivere sereni.

1. Non vuole avere l’etichetta di un libro specialistico ma solo la pretesa, forse arrogante, di essere un block notes dove ho preso appunti per elaborare i miei pensieri.

2. E luce sia! è un viaggio all’origine della fede, all’origine del nulla da cui è nato tutto. All’origine del linguaggio del cuore, non delle parole dette tanto per dire. O per soddisfare il desiderio o il volere di qualcuno.

Le parole non svolgono solo la funzione di interprete fra il cuore di chi parla e l’orecchio di chi ascolta. Ma le parole sono più che segni, più che semplice combinazione di lettere.

Le parole hanno pienezza, profondità, e sono multidimensionali. Una parola, se proviene dal cuore, è un punto focale nel quale i significati si incontrano e a loro volta procedono verso il cuore di chi ci ascolta.

Per tale motivo, le parole non possono cadere dalle labbra come foglie morte quando inizia l’autunno, ma devono librarsi come uccelli uscendo dal cuore per volare verso la grande distesa dell’eternità.

3. E luce sia! ha rappresentato per me l’occasione per scrutarmi dentro, per riprendere in mano le sorti del mio destino e liberarmi dall’esilio che alle volte mi sono auto-imposto.

È stato raggiungere la consapevolezza della mia interiorità, del ritorno a me stesso e vivere l’esperienza di una perenne rinascita. Del ritorno a Dio, in ultimo.

L’esistenza di Dio in questo mondo è troppo spesso nascosta, o forse troppo spesso dimenticata nei cassetti della nostra memoria o data per scontata.

Lo scopo di questo nascosto, però, è la ricerca della verità. Che, secondo la kabbalah, al momento della creazione Dio ha gettato a terra, affinché l’uomo la facesse germogliare con i suoi propri strumenti.

L’alfabeto ebraico, la Scrittura ebraica prima e poi quella cristiana, è proprio questo, un esercizio altamente mistico. Possibile a chiunque cerchi lo sviluppo della propria parte interiore con sincerità e umiltà.

Ogni lettera dell’alfabeto ebraico è un mandala. Una armonia capace di smuovere il di dentro e di guidare l’attenzione di chi medita verso il centro dell’essere e della coscienza.

Verso lo stato di abbandono e di silenzio dal quale proviene l’illuminazione spirituale.

Grazie di cuore a quanti vorranno condividere con me questa esperienza.

Buona lettura e buona Luce a tutti.

ACQUISTA ORA LA TUA COPIA AL PREZZO SPECIALE DI EURO 9,99

Categories
Genitorialità

Adolescenti oggi, work in progress. E tanta confusione.

Cambiano i tempi e cambiano gli adolescenti. Ciò che era valido ieri, oggi è profondamente diverso e messo continuamente in discussione. Genitori e adolescenti sono uniti da un unico destino: confusione mentale totale.

Sarà per questo che si fa sempre più fatica a capirsi. Forse occorrerebbe che entrambe le parti si sintonizzassero su una lunghezza d’onda captabile e provassero a capire le loro insicurezze e fragilità, che li rendono sempre più incapaci di affrontare sfide e difficoltà.

I genitori si chiedono: dove abbiamo sbagliato? Gli adolescenti si domandano: perché non mi capiscono? È giunto il tempo di non pretendere più risposte ma di agire e di incontrarsi a metà strada. Risposte a tutti i perché non ci sono, e non ci saranno mai!

Tempo e uomo sono in continua evoluzione, un perenne cantiere dove non si vede mai il fine lavori. Col procedere dei lavori cambiano tecnologie e materiali, allo stesso modo cambiano in noi e nei nostri figli conoscenze, bisogni e comportamenti.

chaos adolescence
Adolescence is a building site that is always open.

AUTOREVOLEZZA

Autorevolezza sì, autorevolezza no? È l’eterno dubbio che anima il rapporto genitori figli. E a quanto pare anche la perenne diatriba che anima il mondo psicoterapeutico, i favorevoli all’una o all’altra fazione sono sempre in disaccordo tra loro e in continua confusione di propositi.

Spesso ci si dimentica che ogni adolescente è singolo ed unico, per cui ciò che va bene per uno non va bene per l’altro. Gli schemi stilati dalle autorevoli personalità della psicoterapia, per comodità di interpretazione e di strategia attuativa, rimangano a se stanti e non rispecchiano le vere necessità educative degli adolescenti.

Decodificare il comportamento degli adolescenti e individuare le strategie più efficaci per intervenire nelle situazioni di crisi, è l’imperativo a cui dobbiamo tendere per dare loro certezze e trasmettere vicinanza di pensiero e di sensazioni, soprattutto come genitori.

Perché, anche se non ce lo diranno mai, gli adolescenti di oggi hanno bisogno di genitori autorevoli, non autoritari, insieme ai quali definire il loro progetto futuro. Hanno bisogno di essere ascoltati e di ascoltare. Hanno bisogno di considerazione!

Adolescenti: Parents / children difficult dialogue
Difficult dialogue between parents and children.

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH

Partecipare attivamente alla ri-creazione di ciò che ti circonda e ri-crea anche te stessoper vivere meglio e stare meglio.
Call To Action

SMETTIAMOLA DI URLARE

Il rapporto tra persone che si amano si fonda anche su umiltà di ascolto, comprensione e accettazione dell’altro. Allora perché con i nostri figli bisogna per forza urlare se non ci ascoltano? Non sarebbe meglio abbassare i toni e cercare un punto di incontro?

Cosa fare dunque? Per capire cosa passa loro per la testa, do­vremmo in primo luogo ricordarci come è stata la nostra adolescenza; in secondo luogo, sforzarci di metterci il più possibi­le nei loro panni.

Gli adolescenti sono in balia della propria sfera emotiva e non riescono a gestirla. Espri­mono con il corpo e l’azione ciò che non riescono a comunicare con le parole. Al­cuni scaricano questa tensione emotiva all’esterno, con ribellioni verbali e fisi­che spesso violente e incontrollabili; al­tri la riversano su se stessi con il silenzio, la chiusura e l’isolamento.

Anche i genitori, che pur vogliono aiutare i loro figli, sono spaventati, smarriti e ansiosi. Provono sensazioni contrastanti, confusione mentale. Ponendosi mille domande e provando mille delusioni per risposte che non arrivano.

Spesso cadono in depressione perché si reputano responsabili di quanto accade ai figli. Soprattutto si sentono devastati dalla consapevolezza di fallimento nel rapporto con i figli adolescenti, perché non riescono più a capirli e a comu­nicare con loro.

Connessione cuore-cervello
Negli adolescenti la connessione cuore-cervello non è stabile e spesso va in black out.

COGITO ERGO SUM

I nostri figli sono dei novelli Cartesio, penso quindi sono, sempre in cerca di risposte alle molte domande che li assillano. Non si accontentano di risposte semplici, devono scandagliare, provare e riprovare fino a quando non trovano la formula che meglio descrive il loro stato d’animo e la loro ricerca della verità.

Genitori, mettiamoci l’animo in pace: le nostre verità non sono le loro! Il cambiamento è una fase importante del ciclo di vita di ogni essere umano e presuppone sempre un periodo critico, cioè di passaggio, di transizione. E soprattutto mettere in discussione di tutto ciò che è normale per gli adulti.

Sono i cambiamenti fisiologici che avvengono nel cervello nei primi anni dell’adolescenza che portano alla comparsa di quei atteggiamenti mentali che noi genitori fatichiamo ad accettare. 

Ogni adolescente, maschio o femmina che sia, si ritrova a vivere una vera e propria tempesta di umori, di cambi repentini di opinione, di gusti, preferenze, valori, desideri, aspirazioni, senza capire veramente quale sia la propria identità.

Queste esperienze in adolescenza sono essenziali per la formazione della personalità, comprese le esperienze di frustrazione e rifiuto da parte di un gruppo, di un amico, di un partner. Tutto serve per conoscersi e per cominciare a sperimentare sé stessi. 

Adolescenza, lavori in corso
Adolescenza difficile. La trasgressione fa parte della crescita.

TRASGRESSIONE SEMPRE

In questo caos interiore non è escluso che negli adolescenti emergano pensieri trasgressivi: fuggire di casa, abbandonare vecchie abitudini, voler cambiare vita, amici, fino a sognare di sparire o di morire come in certe fasi depressive tipiche dell’adolescenza.

Questi pensieri cupi spaventano i genitori e i ragazzi stessi. I quali si sentono sopraffatti e sconvolti dai bruschi cali di umore, accompagnati spesso da fantasie inaspettate.

Perciò è sempre bene domandarsi cosa sta accadendo, e fare sentire ai figli la nostra vicinanza e la nostra approvazione per le loro scelte. Anche se dovessimo trovare uno spinello nello zaino o di scoprire che va in giro a graffitare sui muri.

Un sostegno psicologico può essere molto utile in tal caso perché consente di supportare la famiglia laddove questi cambiamenti comportino un esagerato livello di stress e disagi profondi.

Permettiamo ai nostri figli di poter essere degli adolescenti confusi, un po’ fragili e magari insicuri. Questo vuole dire da parte loro di accettarsi per migliorarsi, senza dover fingere di essere altro, che poi è la cosa peggiore che possa accadere!

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH

Partecipare attivamente alla ri-creazione di ciò che ti circonda e ri-crea anche te stessoper vivere meglio e stare meglio.
Call To Action
Adolescenti: digitali nativi.
Il digitale fa parte ormai della formazione interiore ed esteriore degli adolescenti.

DIGITALI SEMPRE E COMUNQUE

Il web spaventa più noi genitori che i ragazzi. Forse perché siamo noi ad avere dei problemi con il digitale. Il percorso adolescenziale per trovare amici che sostengono e aiutano a crescere non è facile: i dispositivi tecnologici possono sostenere o ostacolare questo cammino.

Compito di noi genitori è lasciare liberi i ragazzi di scegliere i propri amici, anche di sbagliare, facendo però attenzione che non si facciano troppo male. Limitare l’intrusione dei dispostivi tecnologici nei momenti di condivisione con la famiglia è sicuramente importante.

Ma bisogna anche spiegargli e stimolarli ad intessere e coltivare relazioni non solo attraverso il web, ma soprattutto nella realtà. Vietare sempre e comunque, senza motivare il perché accentua in loro il contrasto con noi genitori. Perché ci vedranno più come avversari nella loro ricerca di appartenenza a un gruppo, al sociale, che come loro complici.

Parlare con loro è faticoso, sì certo. Spesso irritante, per il loro mutismo, ma bisogna instaurare con loro un nuovo rapporto umano. Trattarli da pari e non più da ragazzini che devono solo obbedire e fare quello che diciamo.

Insegnamogli che i rapporti umani danno loro la possibilità di vivere tutte quelle esperienze di cui necessitano per sviluppare quelle competenze che saranno preziose nella loro vita affettiva, sociale, scolastica e lavorativa.

Categories
Attualità

La cucina metafora della democrazia

Viviamo in anni di sgomento sociale e la cucina consente il ritorno all’utero materno. Permette di illudersi sulla socialità, sulla mancanza di regole e sull’inutilità delle forme burocratiche che appartengono alla vita di tutti i giorni. 

La cucina è diventata la metafora della democrazia. Spazio da abitare e reinventare. E tenta di stare al passo con i tempi. Tra solitudine e socializzazione. Allora, come e che cosa cucineremo domani?

Tra qualche decennio, la maggior parte della popolazione mondiale vivrà in un ambiente urbano. Le città assumeranno forme inaspettate e con loro il vecchio focalare si trasformerà in un laboratorio di studio per architetti, politici, sociologi. L’habitat domestico si organizza per accogliere forme di vita più complesse.

Ambiente futurista

Futuro e cucina
Quattro muri e un computer.

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH

L’Ebook dedica un intero capitolo alla natura e ai suoi prodotti. Acquistalo adesso al prezzo speciale di euro 14,99
Call To Action

Tra i vari ambienti che compongono una casa, la cucina risulta essere di gran lunga la realtà in cui si investe di più. Sia economicamente sia progettualmente. Perché? Forse deve celebrare lo status simbol della casa, dei suoi componenti, o avvalorare il rito del cucinare e dello stare insieme? O più semplicemente perché è rimasto l’ultimo luogo in cui la famiglia riesce ancora a guardarsi in faccia?

Se la democrazia alberga tra pentole e fornelli, allora è proprio vero che l’habitat cucina riassume sogni e frustrazioni della società!

Non è un caso che si cucini in ambienti sempre più asettici e sofisticati. Sempre più complessi e pieni di nuove problematiche: smaltimento di rifiuti differenziati, utilizzo di elettrodomestici intelligenti, impiego di nuove fonti di calore, materie prime a chilometro zero, etc. etc…

La cucina non è più luogo di genuina convivialità, ma si è trasformata in una opera d’arte. Le cucine si sono trasformate in architetture postglobalizzate. Gli spazi deputati un tempo alla preparazione delle pietanze, oggi negano ogni confronto reale con alimenti e gusti. Cuciniamo e mangiamo in luoghi slegati dalla nostra vita e dalle nostre emozioni.

Cuochi e sociologi

Tv e cucina
La tv impone nuove regole al mangiare.

Nuovi equilibri, perfetti ma incorporei, ridefiniscono l’orizzonte domestico. La creatività si confronta con gli attrezzi quotidiani del mangiare e del cucinare, reinterpretando astrattamente bisogni, nevrosi e sogni delle persone. 

Tutto sembra cambiare, ma in realtà non cambia nulla. Questo volere far sembrare di ritornare alla socialità, all’ospitalità, all’incontro e alla conversazione, non sono altro che l’accentuazione della solitudine dell’individuo e dell’ostilità sociale in cui esso vive.

Le forme rituali del cucinare sono sempre le stesse, certo; ma ci si rende conto che si stanno svalutando le esperienze sensoriali. Tutto perde valore, degrada e sparisce. Le privazioni sensoriali legate al gusto, al tatto, all’olfatto, sono sempre più accentuate e nuovi gusti, sapori, odori vengono costruiti in laboratorio.

La questione cucina è diventata una cornice argomentativa per molti altri ragionamenti altrimenti non trattati. I maggiori networks mondiali mandano in onda programmi di cucina a tutto andare, creati appostasitamente come contenitori di notizie svariate e variegate, spesso senza nessun nesso comune, pur di tenere incollati agli schermi gli utenti e vendere pubblicità. La cucina è il nuovo strillone pubblicitario.

Agli aspetti culturali e storici che la cucina rivendica in tutta la sua magnifica realtà, spesso identikit di un intero popolo, vengono create figure retoriche molto complesse. E vuote. Esempio ne è il fagiolino tal dei tali, di una sperduta zona del globo, elevato agli onori della cronaca per diverse ore in una trasmissione televisiva e poi dimenticato e sepolto a fine trasmissione.

Progettare il cibo perfetto

Cibi del futuro
Il cibo del futuro sarà sempre più sensoriale.

MI ILLUMINO DI INFINITO – A SPASSO CON LA KABBALAH

L’Ebook dedica un intero capitolo alla natura e ai suoi prodotti. Acquistalo adesso al prezzo speciale di euro 14,99
Call To Action

Le grandi multinazionali del cibo sono orientate sempre più verso un nuovo business, chiamato perfomance del cibo. Una concezione nuova del mangiare che dovrà comunicare un messaggio, una esperienza, una sensazione o una conoscenza dimenticata di un piatto. 

Il cibo non è più quindi solo nutrimento per un corpo, ma diventa laboratorio di sperimentazione e di conoscenza in continuo divenire. Un vero itinerario alla scoperta della chimica e della biotecnologia, dell’arte e del design, della medicina e della psicologia.

Scienza, luoghi, distribuzione, cultura e prodotti vengono argomentati come un microcosmo di intenti benemeriti, atto a mettere in risalto il macrocosmo di aiuti umanitari che permette di abbattere, e comprendere, le complessità dinamiche economiche, sociali e industriali dei paesi in via di sviluppo, il cosiddetto sviluppo equo solidale.

Il globale non può prescindere dal locale. E le multinazionali nutrizionali sono straconvinte che la globalizzazione non sia più capace di spiegare il mondo in trasformazione, perciò i luoghi in cui si mangia diventano glocali, termine che nasce dall’unione di globale e locale.

Con-fusion

Quicnic, il nuovo evento sociale
Quicnic, il nuovo concetto sociale per favorire una maggiore integrazione.

Proprio come in ogni democrazia ognuno può esprimere le sue idee liberamente, così in cucina esistono concetti di pensiero i cui fautori cercano di pubblicizzarli il più possibile per renderli dei cult. È il caso del food design. Cuochi che vogliono far ripercorrere alla cucina il destino dell’arte.

Ci sono i cuochi futuristi, quelli che usano la fiamma ossidrica o il pH-metro; cuochi naif, quelli che utilizzano cibi poveri o molto ricchi a secondo di come si svegliano al mattino. Cuoghi dietologi, quelli che costruiscono diede tout court a secondo dell’aspetto del cliente.

Cuochi neorealisti, quelli che riprendono i piatti della tradizione popolare secolare e la contaminano con ingredienti e spezie di altri paesi; cuochi impressionisti, quelli che nel menù hanno i colori e non le pietanze, e secondo il colore scelto, preparano piatti con predominanza del tono prescelto.

Ma soprattutto ci sono loro, i guru della dining experience. Gli inventori di nuove esperienze di cibo per gente sempre più indaffarata e sollecitata. I tradizionali luoghi della ristorazione non bastano più. Si mangia e si beve nelle situazioni più strane. La pizza si rifà il look… e diventa cono da passeggio!

La pizza rivoluziona la forma, non il gusto e l’impasto, e diventa un cono. Sinonimo del made in Italy, è da sempre soggetta ad infinite declinazioni del gusto. L’intrinseca esigenza di gustarla in un luogo urbano sta all’origine della pizzeria itinerante lungo-chiosco. Qui il rito della gustazione abbraccia quello contemporaneo del movimento e della velocità, l’ingombro è minimale, coni pizza belli e pronti al via.

Ispirato alla massima versalità è anche il roll-away, karaoke sushi bar itinerante, con tanto di arredo e tavoli a struttura modulabile da montare a piacimento dove si vuole. E per gli amanti della natura, è in voga il quicnic, termine che nasce dall’unione delle parole quick=veloce e picnic.

Ordini, e ti viene consegnato il classico cestino da picnic. Al cui interno, oltre alle pietanze prescelte, ci sono arredi che ricreano in maniera astratta la natura, dall’erba ai tronchi. È il nuovo concetto di evento sociale che diversi managers hanno sposato per spronare i dipendenti a socializzare di più tra di loro. I risultati sono brillanti, più produttività e meno stress per tutti.

 

Gusto cercasi

gusto e sapore
Il buon cibo allena il corpo e la mente.

Ciò che stupisce nell’arte del mangiare bene, è che chef e ristoranti fanno a gara per sorprendere i clienti, soprattutto i millennial, spesso spostando l’attenzione dal gusto all’estetica. I glitter eduli dilagano nei cocktail e nelle pizze, come gli aromi iniettati nei dessert. Il mantra è creare momenti esperienziali e socialmente condivisibili.

Gusto e sapore vengono sempre più sacrificati sull’altare del profitto, coltivatori e produttori di materie prime messi alla fame da prezzi fissati dai grandi distributori. La tanto declamata democrazia in cucina ripercorre pari pari le contraddizioni e i controsensi di quella reale. L’iperbole libertà e progresso per tutti campeggia a bella vista solo nell’immaginario collettivo. La verità è altra.

E quell’altra è difficile da digerire. Perché purtroppo il denaro ha sempre la meglio su qualunque persona, popolo o continente, o buon proposito. E la colpa è nostra. Nostra la resa incondizionata ai detrattori del gusto, al culto del mordi e fuggi, al richiamo delle sirene che promettono sensazioni enogastronomiche uniche e strabilianti, alle multinazionali che invogliano a comprare gourmet pronti in tre minuti.

Democrazia fa rima con meritocrazia. Come diamo credito alla meritocrazia per ogni ruolo importante della nostra società, diamoglielo anche in cucina. Chi lavora duramente per produrre materie prime di alta qualità, senza conservanti e senza soluzioni chimiche, merita il nostro rispetto e il nostro sostegno.

Solo così il suo lavoro non cadrà nell’oblio e aiuteremo davvero l’uomo, quel popolo, quella nazione o quel continente, ad uscire dall’ipocrisia della democrazia in cucina declamata dalle lobby e da tutti quelli che ne abbracciato il mantra per profitti propriamente personali. 

 

Categories
blog

Curiosità, gioia o dolore?

Poche sono le certezze che ci impediscono di avere delle domande, ma anche quelle poche alle volte necessitano di verifiche. La curiosità è la verifica di ciò che per noi non è ancora certezza ma che presto lo diventerà.

Verificare ha dei risvolti negativi, e sono rappresentati dalla  paura all’introspezione personale che permette di guardare verso nuovi traguardi, concetti di vita o di rapporto con gli altri con serenità e gioia.

L’impedimento maggiore alla nostra crescita, al vivere ciò che ci circonda, al stare al mondo, siamo noi stessi. È la nostra incapacità di aprirci al nuovo.

APRIRSI AL NUOVO

d'ormesson

«Conoscere, è conoscere attraverso le cause. Capire, è risalire alle origini. Smettiamo di correre. Fermiamoci un attimo. Prendiamoci due minuti per riflettere un po’ e rispondere a una domanda tra le tante.

Crediamo veramente che la vita, il pensiero, il linguaggio, e perché no? la scrittura, siano stati necessari dall’eternità», Jean d’Ormesson in C’est une chose étrange à la fin que le monde.

Siamo tutti figli di un vissuto.

Non ci siamo fatti da solo. Non dobbiamo essere troppo presuntuosi né soddisfatti di credere di non dover nulla agli altri. Dobbiamo tutto a quelli che sono venuti prima di noi e che ci hanno istruito e cresciuto.

Siamo il frutto di un passato dal quale proveniamo. Le origini ci appartengono come appartengono a tutti. E ci devono interessare.

Gli uomini scoprono e inventano.

Quando si scoprono le leggi nascoste della natura, ciò che chiamano verità, facciamo scienza. Quando ci abbandoniamo alla nostra immaginazione e inventiamo ciò che chiamiamo bellezza, facciamo arte.

La verità è stringente come la natura. La bellezza è libera come l’immaginazione.

Ogni giorno la vita offre esempi infiniti di questi stravolgimenti e di questa instabilità universale. «La cosa più incomprensibile è che il mondo sia comprensibile», affermava Einstein.

La storia è la forma che prende il tempo per forgiare il destino degli uomini.

Il mondo è bello. La storia esiste. Questa bellezza e questa esistenza escono dal niente per ritornare a vivere.

E in questo tornare a vivere c’è un grande sogno che è il mondo, la sua scoperta. In questo grande sogno, c’è un altro grande sogno che è la vita.

Pure in questo sogno, c’è ancora un sogno che è la nostra esistenza. Tutti questi sogni non hanno senso, se non c’è il nostro sogno di parteciparvi da protagonisti.

Nessuno è capace di sfuggire alla vertigine che prende di fronte al mondo e al proprio destino.

Non smetteremo mai di scontrarci con l’incomprensibile. Tanto vale cavalcarlo. «La più bella esperienza che si possa fare è quella del mistero», diceva Einstein mentre formulava la sua teoria.

«credo perché assurdo», si ripeteva e rispondeva Agostino di Ippona a chi gli chiedeva della sua fede.

Curiosità, esperienza del mistero.
La più bella esperienza che si possa fare è quella del mistero.

CURIOSITÀ, CHE COS’È?

Sappiamo, o pensiamo di sapere, che cos’è la curiosità. Eppure definirla non è così semplice. Abbiamo curiosità quando c’è una ricerca attiva di nuovi dati e informazioni, dicono gli scienziati. Ovvero: quando siamo portati a esplorare.

whySintomo di vivacità intellettuale, desiderio di conoscere, o invadenza?

Quando si tratta di curiosità il confine può essere davvero molto sottile. Ciò che alcuni percepiscono come interessamento, per altri può essere visto come una violazione della privacy.

Altre volte la sete di informazioni può sconfinare nella morbosità (ad esempio, gossip). C’è chi la considera un pregio, chi invece un difetto.

Sentimento naturale.

In realtà la curiosità è molto di più: è un sentimento naturale, un motore indispensabile che spinge a esplorare e conoscere il mondo che ci circonda.

Fatto non solo di persone ma anche di esperienze diverse l’una dall’altra. La curiosità è motore di conoscenze, di scoperte e in generale di crescita ed evoluzione: per questo viene considerata un fenomeno positivo.

L’importante, in ogni caso, è saperla dosare bene.

Istintività.

Curiosità è un comportamento istintivo, che porta a cercare ciò che è nuovo o diverso. È un’emozione positiva, che porta a desiderare di trovare risposte alle proprie domande. Essere curiosi è la caratteristica fondamentale che contraddistingue coloro che hanno una apertura a nuove esperienza.

yesbreainUnita ad altre caratteristiche complementari, – gusto per il bello, apertura alle emozioni, vivacità intellettuale, immaginazione, – la curiosità è la caratteristica distintiva delle personalità creative.

«La curiosità mette il cervello in uno stato che gli consente di apprendere e conservare qualsiasi tipo di informazione, è un vortice che risucchia ciò che sei motivato ad imparare, e anche tutto ciò che ti circonda», spiega il Dr. Matthias Gruber, dell’Università della California.

Messaggero di felicità.

Gli studi hanno scoperto che quando viene stimolata la curiosità, c’è una maggiore attività nel circuito cerebrale correlata alla ricompensa.

Questo circuito di ricompensa si basa sulla dopamina, un messaggero chimico che trasmette messaggi tra i neuroni.

L’apprendimento motivato dalla curiosità aumenta l’attività nell’ippocampo, una regione del cervello importante per la formazione di nuovi ricordi e di nuove conferme.

Motivatore personale.

Infatti la curiosità è motivante, è un potente motore della motivazione interiore.

Soddisfare una curiosità genera un piacere mentale che chiede di essere continuamente rinnovato. Chiede di cercare ciò che è nuovo, sorprendente, abbastanza complesso ma comprensibile.

Del resto, sono queste le caratteristiche di ciò che, suscitando interesse, accende la nostra curiosità.

Curiosità, la gioia del nuovo.
Soddisfare una curiosità genera un piacere mentale che chiede di essere rinnovato sempre.

 

ALIMENTARE LA CURIOSITÀ

È semplice, piacevole e vitale. Quando si è curiosi di conoscere qualcosa, la mente si scatena e anticipa nuove idee legate a quel qualcosa.

Senza curiosità, le idee corrono via. Sfuggono senza nemmeno accorgersene, perché la mente è impreparata a riconoscerle.

Alimentare la curiosità permette di vedere nuove realtà e possibilità che normalmente non sono visibili. Non perché non esistono, ma perché nella vita quotidiana sono sì presenti ma spesso celate dietro il velo della routine.

Ecco perché bisogna:
  1. Tenere una mente aperta, accettare la possibilità che qualcosa che scopriamo possa cambiare le nostre opinioni.
  2. Non dare niente per scontato.
  3. Continuare a farsi domande.
  4. Non etichettare nulla come noioso a priori.
  5. Considerare sempre il lato divertente dell’imparare qualcosa di nuovo.
  6. Leggere cose diverse tra loro, e non limitarsi a una singola fonte. Aggiungo che la cosa più importante comunque  è continuare a farsi domande.
Prendersi cura.

Curioso è colui che ha premura, che si prende cura. «La curiosità – ha scritto Foucault – evoca la cura, l’attenzione che si presta a quello che esiste o che potrebbe esistere».

Il pensiero che vale la pena praticare non è quello che «cerca di assimilare ciò che conviene conoscere, ma quello che consente di smarrire le proprie certezze».

La curiosità che si anima non si immobilizza davanti al reale, ma cerca di disfarsi di ciò che è familiare, si esercita a guardare le cose diversamente.

Sebbene l’intelligenza sia più importante della coscienziosità e della curiosità, queste due unite però pesano più della intelligenza.



PALESTRA DEL CERVELLO

Potremmo quindi dire a buon diritto che chi si ferma è perduto. La curiosità, il desiderio di muoversi, di scoprire cose nuove e fare nuove esperienze è il motore più potente che si conosca per far fare ginnastica al nostro cervello e mantenere tutto l’organismo in allenamento e in buona forma a qualsiasi età.

La sete di sapere è l’energia che ha portato l’uomo a progredire sulla scala evolutiva e ha animato il progresso scientifico: ora sappiamo con certezza che è anche il più efficace mezzo anti-età a nostra disposizione.

Le strategie? Uscire dalla nostra comfort zone e metterci alla prova. Seguire le nostre passioni ed essere curiosi il più possibile.

Siamo tutti studenti nella scuola della vita e fino all’ultimo respiro non è mai troppo tardi per imparare cose nuove.

La curiosità e l’interesse sono sempre associati a emozioni e sentimenti positivi: l’attenzione si ravviva, ci aiuta a pensare in modo più articolato, ci stimola ad approfondire e a saperne di più.

GIOIA

È l’emozione che apre al mondo e accende la creatività. E può essere coltivata. La gioia è un potente motore della vita, spinge a migliorarsi, a essere curiosi e aperti agli altri. È l’emozione che più di tutte ha reso l’uomo creativo, portandolo a evolversi attraverso scoperte e conquiste.

La gioia è un’emozione piacevole ed intensa che proviamo quando crediamo che uno scopo per noi molto importante sia stato realizzato. Tuttavia: «l’emozione della gioia non è mai un’emozione pura, ma è sempre turbata da un oscuro timore di perderla», affermava Lucrezio.

Emozione pura.

curiositàNel momento in cui raggiungiamo il tanto agognato oggetto, sia esso una conoscenza o una materialità, ne percepiamo la precarietà e la transitorietà. 

Però la curiosità di cercarlo e di averlo ci ha infuso gioia! Certamente la gioia è molto friabile, impalpabile, delicata. Facilmente si effonde, riempiendoci, ma altrettanto facilmente si vanifica.

Gioire è sì un bene transitorio e può essere perduta con facilità. Ma sicuramente è un’esperienza che non può essere cancellata, una volta provata.

Essa rimane attenuata nel ricordo e riaffiora quando ne abbiamo bisogno. Quando il nostro corpo e soprattutto la nostra mente ne ha bisogno. Per questo è importante viverla con consapevolezza, per farla durare più a lungo.

Essenzialità della gioia.

Recentemente, Barbara Fredrickson, psicologa dell’Università del North Carolina (Usa), ha teorizzato due scopi essenziali della gioia.

  • Il primo è la riduzione degli effetti dan­nosi delle emozioni negative su di noi e la ripresa dalle loro conse­guenze prima di ulteriori danni personali.
  • Il secondo è l’allargamento degli orizzonti di pensiero, che aumenta la flessibilità, migliora l’elaborazione delle informazioni, e ci rende più creativi.
Emozioni positive.

Chi vive più di frequente emozioni positive ha relazioni più soddisfacenti e un maggiore sostegno sociale. Inoltre, costruisce risorse, com­petenze e sa individuare un maggiore repertorio di soluzioni ai problemi, crean­do una spirale positiva di miglioramento di sé.

La spinta alla crescita interiore è tale che non sorprende ritro­vare riferimenti alla gioia in filosofie e religioni diversissime. È fondamento della cristianità e del buddismo, ma si ritrova come protagonista pure negli scritti dei filosofi greci, da Epicuro ad Aristotele.

Curiosità, gioia o dolore?
Chi vive la curiosità ha più di frequente emozioni positive e relazioni più soddisfacenti.

 

FELICITÀ

Nel senso comune gioia e felicità sono termini intercambiabili, ma secondo gli studiosi la seconda, cioè la felicità, è un ombrello sotto cui ci sono altri sentimenti positivi, che dipendono molto dal contesto cultura­le.

industria_della_felicità

L’idea di feli­cità di una società individualistica come quella odierna, coinci­de con il raggiungimento dei propri sco­pi e di successi personali.

Nelle società collettivistiche come quella giapponese, la felicità è più condivisa, trasmessa. Legata all’equilibrio delle relazioni, dei legami personali e sociali.

Le manifestazioni emotive sono attenuate, perché mostra­re la propria gioia potrebbe far soffrire l’altro.

Il cervello esulta.

Quando il cervello esulta, proviamo gioia. Emo­zione primaria proprio perché innata e universale. Si attivano aree cere­brali specifiche correlate al piacere.

La gioia è una delle prime emozioni espresse dai neonati e da subito è importante per comunicare.

L’emozioni sono state selezionate dall’evoluzione perché l’uomo possa adattarsi all’ambiente. Anche informan­do gli altri del proprio stato d’animo, come già aveva intuito Charles Darwin.

Quando, nel 1872, scrisse L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli altri ani­mali, egli teorizzò che la gioia, in particolare, è suscitata dalla presenza di stimoli coerenti con i propri bisogni.



STUPORE

«Solo lo stupore conosce», diceva Gregorio di Nissa, vescovo e teologo vissuto nella Grecia del IV secolo d.C.

Lo stupore, la meraviglia di una scoperta, di una risposta, conseguenza di una nostra curiosità, è il sale di ogni nostra avventura nella vita.

La curiosità è anche e soprattutto stupore. L’intenso turbamento dovuto a meraviglia e sorpresa di fronte a qualcosa di inatteso, piacevole o spiacevole che sia.

Cioè, quella forte sensazione tale da togliere la capacità di parlare e di agire. Quel senso di spiazzamento che ci lascia sospesi al di fuori della realtà, mentre dentro di noi si fa strada una nuova consapevolezza.

Consapevolezza dell’esserci.

educare_allo_stupore

Lo stupore diventa un prezioso strumento nel corso delle nostre vite, il motore di ogni nostra domanda.

Di fronte a qualcosa di nuovo, di inaspettato, è fisiologico chiedersi il perché. Cercare di scoprire qualcosa di più.

Fare domande e cercare risposte. Cioè, attivare quei comportamenti che portano alla conoscenza.

Vincere l’apatia.

Tuttavia, passare dallo stupore alla domanda, e gradualmente spinti dalla curiosità alla scoperta, non è un meccanismo così fisiologico.

Soprattutto in un mondo, come quello in cui viviamo oggi, dominato dai troppi stimoli e dall’apatia. È qui allora che entra in gioco la nostra capacità di attenzione, importante quanto le emozioni stesse.

Per dare un senso vero alla meraviglia, allo stupore, è indispensabile che ci mettiamo in gioco.

Predisponendoci a cogliere un particolare da cui partire. A chiederci il perché di ciò che vediamo o di ciò che ci accade. A questa emozione così coinvolgente, è indispensabile che dedichiamo tutta la nostra attenzione a ciò che l’ha suscitata.

Curiosità, gioia o dolore?
Solo lo stupore conosce, è il sale di ogni nostra avventura nella vita.

 

MERAVIGLIA

Gli antichi greci, per definire l’atto di meravigliarsi, usavano il verbo thaumàzein. Nella  radice thàuma non c’è solo il concetto di meraviglia intesa come sensazione gioiosa che nasce dalla novità, bensì anche l’idea di angosciante stupore di fronte alla durezza della vita.

Per Platone e Aristotele la meraviglia rappresenta quella fase in cui non comprendiamo più il nostro essere e quello che ci circonda. È il momento in cui veniamo stimolati a porci domande e a cercare risposte. È il momento in cui si attiva il processo che porta, appunto, alla conoscenza.

Amiamoci di più.

Soffermarci sull’oggetto della nostra meraviglia, è dedicarci attenzione. Ed è proprio da questo soffermarsi attento che scaturiscono le domande su ciò che accade e come accade.

Domande e curiosità che consentono di trasformare un’emozione di pochi secondi in qualcosa di ben più duraturo, in conoscenza e apprendimento.

La meraviglia rende le persone più pazienti, meno materialiste e più altruiste.
esercizi_di_meraviglia

I poteri sorprendenti della meraviglia non si limitano solo alla sensazione gioiosa che nasce dalla novità, ma protegge anche la mente e il corpo. Da studi recenti, sembra che aiuti in modo significativo i disturbi cardiocircolatori, artrite, depressione e la malattia di Alzheimer.

Educhiamoci a stupirci e a stupire.

Educare alla meraviglia un bambino, o noi stessi, significa reimpostare l’apprendimento alla stregua di un viaggio che salpa dal molo più intimo verso un’avventura entusiasmante, nel rispetto delle esigenze intrinseche del bambino, della sua innocenza, dei suoi tempi, del suo senso del mistero e della sua sete di bellezza.

«La mente intuita e curiosa è un dono sacro, la mente razionale è un servo fedele. Abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono», Albert Einstein.

Aristotele, in Metafisica, afferma che «la filosofia e il mito nascono dalla meraviglia, perché chi prova meraviglia, si rende conto di non sapere, e questa consapevolezza è la scintilla che dà origine alla ricerca della conoscenza».

La sequenza è dunque: meraviglia = ignoranza = conoscenza.

DOLORE

la_curiosità_non_invecchiaLa curiosità, come tutte le sensazioni che hanno risvolti benefici per il corpo e la mente, ha pure un risvolto meno benefico che alle volte è causa di notevole malore fisico e mentale: l‘abbandono.

Quando abbiamo raggiunto il fine della nostra ricerca, e quindi abbiamo la conoscenza del risultato, la nostra mente si rilassa e si abbandona alla spossatezza. Per un periodo breve o lungo, ci sembra di essere la centrifuga di un frullatore impazzito.

Il corpo è il luogo in cui tutta la nostra storia è narrata e leggibile.

Specchio del nostro vissuto più profondo. Perciò lasciamoci guidare dall’immaginazione e dall’intuito senza avere paura di essere stupidi o ridicoli. La curiosità non invecchia.

Disegniamo ciò che abbiamo conosciuto, diamogli forma e colore, trasformiamolo in una poesia o in un racconto fantastico!

In ogni caso la prevedibilità dell’evento doloroso non è sufficiente a tappare le ali alla nostra curiosità. Se si è veramente curiosi ogni traguardo è lo stimolo a raggiungerne un altro. E poi un altro ancora.

Il curioso si sente ignorante sempre, cioè sempre mosso dal desideroso di sapere e di conoscenza.

Perdere le cose non è così grave, perché impari a godere non di quel che hai ma di quel che ricordi. Dovremmo abituarci a perdere. Ma per perdere si deve prima trovare. La perdita è intrinseca ad ogni proposito e ad ogni speranza.

Ogni vita, dalla più umile alla più complessa, è un aneddoto tra eredità e ambiente. Una storia individuale con un inizio e una fine, e un destino in fin dei conti. La vita è il più banale dei miracoli!

CHE C’E’ DI INTERESSANTE NEL ROMANZO DEL MONDO?

«Il tempo perché l’enigma si risolva. Più il mondo invecchia, più impara sulla propria giovinezza. Il passato e il futuro si illuminano quando ce ne allontaniamo», Jean d’Ormesson.

La sofferenza rende più sensibili. Essa ci insegna a portare un amore migliore per tutto ciò che è. Nella sofferenza o sotterriamo o scopriamo ciò che abbiamo di nascosto in noi.

In un certo senso, l’imparare presuppone l’accettazione mistica. L’accettazione della vita, la sua speranza indistruttibile.



Abbiamo bisogno del tuo aiuto.

Il sito che stai navigando necessita di fondi per proporre articoli di qualità e di grande rigore scientifico. È nostro proposito migliorarlo sempre più.

Se vuoi, fai un offerta. E’ un piccolo gesto di compartecipazione da parte tua, ma per noi è vitale. Grazie.





LASCIA UN COMMENTO

Categories
Costume Style

Bianco, quando tendenza e spiritualità si incontrano

Il colore è il biglietto da visita dell’età personale, e perciò è il diario della propria storia. Parlare di colore significa parlare di emozioni, di un linguaggio in grado di evocare sensazioni di piacere, di benessere, di entusiasmo e di vitalità.

Per questo ogni pagina del nostro diario coincide con passioni, più o meno violente, che ne hanno caratterizzato un preciso istante. Le passioni trasmesse dai colori che ci circondano, ci influenzano. In un modo o nell’altro, influenzano lo stato d’animo e la psiche.

EFFETTO PSICHE

Il colore ha un effetto incredibile sulle persone, sull’umore, la percezione e anche sulle scelte. Comprendere questo, è utile per riequilibrare l’armonia in noi, perfino nei momenti bui. Tra tutti i colori dello spettro solare il bianco è senza dubbio quello che rischiara di più la vita e il carattere.

Il bianco deve il suo effetto psichico positivo all’orientamento verso il diurno e il chiarore, esprimendo così il colore delle grandi divinità della luce. Proprio dalla radice div = risplendere, nelle lingue indo-germaniche, si è sviluppato il concetto di divinum = divino. Il colore solare diviene quindi rappresentazione della rivelazione, della grazia, della coscienza diurna illuminata.

Il bianco dell’alba mischiandosi infatti con il colore del sole da’ vita al giallo dell’oro, preziosità e purezza allo stato puro. Ecco spiegato il perché dell’accostamento dei due colori sulla bandiera del Vaticano (Chevalier, Gheerbrant).

Gran parte del nostro vissuto psicologico del bianco trova la sua spiegazione nella luminosità dell’alba e nel chiarore lunare, l’inizio e la fine della vita diurna. Per tale ragione, in numerose popolazioni è il colore dell’Est o dell’Ovest, i luoghi dove ogni giorno nasce e muore il sole.

Nell’Antico Testamento, Daniele così descrive la visione di Yahweh: “l’Antico di giorni si assise. La sua veste era candida come la neve e i capelli del suo capo erano candidi come la lana pura”, (Daniele 7,9).

Il bianco quindi è un invito a connettersi con tutte le possibilità del creato, dove l’immaginario interiore ci esorta a svolgere le attività creative con movimenti fluidi, affinché ogni movimento divenga una meravigliosa e continua creazione.

Capelli bianchi
L’Antico di giorni si assise. La sua veste era candida come la neve e i capelli del suo capo erano candidi come la lana pura”, (Daniele 7,9).

IL COLORE NEI SECOLI

I colori, nelle varie epoche e nelle diverse culture, hanno assunto significati e simbologie differenti. Il significato del colore non è una scienza esatta, perché è soggetta a situazioni e stati personali particolari.

Però è possibile individuare delle caratteristiche generali e dei riferimenti specifici che possono fornire un quadro preciso delle simbologie più usate. È nei secoli del Basso Medioevo (XII-XIII-XIV) che si diffonde l’uso dei vari colori.

Si credeva che accentuassero il valore simbolico della luce e della bellezza interiore. Ed erano considerati emanazione divina, secondo le tesi filosofiche della patristica medioevale. Nei secoli precedenti al Mille, si erano utilizzati solo i tre colori polari: bianco, rosso e nero.

Questi tre colori sono presenti in tutte le civiltà, e perciò considerati archetipici. Dal 1200 in poi l’uso dei diversi colori diviene sempre più diffuso nell’arte figurativa, nelle vetrate cloisonnées, nelle miniature, nell’araldica e nel costume, sia femminile sia maschile.

In questo periodo alcuni religiosi cristiani importanti, come San Bernardo, associano il colore all’esaltazione dell’avvenenza femminile. Altri, come San Bernardino da Siena, condannano gli strascichi della abbigliamento femminile paragonandoli alla coda di Satana.

Tuttavia pochi censurarono le abitudini di moda. Due eccezioni però faranno capolino nel 1300: il divieto delle ampie scollature per le signore veneziane, che adottano le cipriote, abiti che lasciano sporgere generosamente i seni; e le riserve di alcuni cronisti medioevali che criticano l’uso maschile di indossare calza-brache tanto aderenti da far risaltare gli attributi maschili.

Ma il Rinascimento è alle porte e la bellezza e la sontuosità dei tessuti, la varietà delle fogge e dei colori esploderanno sia nel costume che nell’arte, diffondendosi dalle corti italiane in tutta Europa.

LE PASSIONI DELLA BELLEZZA

La luce bianca è composta da tutti i colori dello spettro solare. E proprio perché contiene tutte le tonalità della natura, se vogliamo riequilibrare la personalità per renderla integra e completa, dobbiamo aggiungere un pizzico di bianco in più al nostro ambiente e a ciò che indossiamo. Se non si riesce ad influenzare lo stato d’animo dall’interno verso l’esterno, allora lo si deve fare dall’esterno verso l’interno.

Il bianco contiene le vibrazioni della pace, dell’amore, della calma e della premura. Il bianco è soprattutto il colore dell’innocenza. Vestirsi di bianco aiuta le qualità interne dell’anima ad emergere.

Per questo coloro che cercano le qualità della purezza, si vestono di bianco. Per ricordare a sé stessi, e alla propria anima, che è doveroso rimanere sempre puliti e senza macchie.

Gli abiti dei leader spirituali sono bianchi per questa ragione. Il bianco è il colore spirituale per eccellenza. E’ il colore degli angeli, il colore della purezza, il colore della pulizia. Ma più di tutto, il bianco riflette e respinge l’energia negativa.

Chi ama il bianco rivela una spiccata tendenza al fatalismo, ma esprime soprattutto creatività e immaginazione. È il colore di chi dona, di chi benedice e di chi diffonde luce. Di chi ha il continuo desiderio di cambiamento e viene stimolato dalle novità che la vita gli offre.

Egli ha grandissima fiducia negli altri, e in tutto ciò che il futuro gli può riservare. Però, al tempo stesso, si crea facilmente delle illusioni e pecca di ingenuità. Al contrario del nero, che esprime l’energia della mancanza ed assorbe la luce.

Non è un caso che i camici dei medici siano bianchi. I medici sono visti come esseri divini che curano le malattie e riportano in vita i moribondi. I politici indiani che affermano di avere un carattere limpido, cioè non corrotto, usano questo colore e indossano i tipici abiti bianchi per elevare la loro immagine.

Il bianco è anche il colore preferito da molti pellegrini in tutto il mondo; denotare infatti semplicità, umiltà e purezza.

medici clown
I medici sono visti come esseri divini che curano le malattie e riportano in vita i moribondi.

L’Iniziazione cristiana e la rigenerazione dell’anima cominciava con la scena della morte mistica. Il misto era vestito per questa occasione di bianco, e per otto giorni i neofiti della primitiva Chiesa portavano un abito bianco, simbolo di innocenza, purezza, iniziazione celeste e verità. Il colore bianco è il simbolo dell’unità divina.

L’abito da sposa non può che essere bianco per indicare ai presenti che la sposa è pura e casta come neve fresca! In oriente, l’abito bianco della sposa non significa solo purezza, ma anche la morte rituale della sposa per i genitori, in procinto di perdere la figlia, e al tempo stesso il passaggio-rinascita della giovane nel contesto della nuova famiglia.

Il bianco in molte culture è il primo e l’ultimo colore di cui il corpo viene adornato, dalla nascita alla tomba.

Abito da sposa bianco.
L’abito da sposa indica ai presenti che la sposa è pura e casta come neve fresca!

SIMBOLOGIA E SIGNIFICATO

In tutte le religioni il bianco è simbolo della divinità. Evoca la purezza, la verginità, la spiritualità, la luce lunare. Ma la simbologia primaria è quella della luce, elemento fondamentale dei miti della creazione.

Il cristianesimo associa la luce alla realtà spirituale, dice infatti Gesù: ”Io sono la luce del mondo, chi mi segue non cammina nelle tenebre, ma avrà la luce della vita”, (Giovanni 8,12). Il colore bianco, inoltre, è simbolo del Paradiso e dell’Eternità. È il colore dei sentimenti nobili.

Per questo è associato alla pienezza e alla sacralità della vita. In molte culture i sacerdoti e i fedeli si vestono di bianco nelle cerimonie sacre. Perché il bianco è associato al collegamento con il divino, e tramite questa connessione la spiritualità rappresenta la via della saggezza e dell’illuminazione.

Il bianco è il colore della luce, della creazione. Rappresenta la purezza e il giorno. Il principio stesso della vita.


Per la maggior parte delle tradizioni nel mondo il bianco è un colore estremamente positivo. È il ponte che unisce l’uomo all’universo e al quotidiano del mondo.

Il bianco, in quanto colore dell’interezza e delle divinità assolute, si presta in modo pregnante ad esprimere il Sé, l’uomo totale, l’individuo realizzato nella sua totalità, in quanto Sé e Dio.

Anche Jung parla del bianco come un momento evolutivo ed esistenziale: “è il grado più elevato che la meditazione umana possa mai raggiungere. Il che non significa che io creda che Dio è il Sé o che il Sé sia Dio. Affermo solo che tra di essi esiste una relazione psicologica“.

Il bianco, in quanto colore dell’interezza e delle divinità assolute, si presta in modo pregnante ad esprimere il Sé, l’uomo totale, l’individuo realizzato nella sua totalità, in quanto Sé e Dio.

Il bianco, il chiarore dell’alba è il ponte che unisce l’uomo all’universo e al quotidiano del mondo.

Per il colore bianco la manna richiama il seme maschile. Il kabbalista Moshè ben Nachmàn (sec. XII) afferma che: “la manna proviene dalla luce superiore, che si è materializzata per volere divino”.

Un altro cabalista, Moshè Cordovero, dice anche che: “la manna, in quanto parte del connubio tra principio maschile e principio femminile, evoca una realtà nella quale l’energia maschile raggiunge la femmina”.

Nelle fiabe indica la luce del giorno, la salvezza dell’eroe, l’intervento di una forza benefica. Nella mitologia è il colore delle creature speciali, quelle che attraversano il confine tra il reale e l’immaginario. Il bianco da una connotazione positiva anche a esseri notoriamente malefici.

La meraviglia del mondo.
Amo questo mondo perché riesce a stupirmi ogni giorno.

FUNZIONE MAGICA DEL BIANCO

Nelle diverse civiltà l’insieme dei colori ha sempre avuto un’attrazione particolare perché visto come fenomeno legato al possesso di poteri magici. L’arcobaleno, ad esempio, rappresenta il ponte che lega la sfera spirituale del mondo, l’alto, a quella materiale, il basso.

Nel libro della Genesi ebraico-cristiana, l’arcobaleno infatti sancisce il patto tra Dio e gli uomini alla fine del Diluvio. Sulla terra invece corrispondiamo tale luminosità nelle pietre preziose, che sono viste ed utilizzate come cariche di poteri.

L’uso esoterico dei colori ha funzione decorativa, simbolica e magica. In Mesopotamia tale potere veniva esemplificato nello Ziqqurat, tempio dedicato alla divinità, a base quadrata. Ogni piano era di colore diverso e dedicato ad un pianeta differente. Gli angoli dell’edificio erano orientati verso i punti cardinali, visione astrale della determinazione del destino.

In Egitto il colore rappresentava l’essenza stessa delle cose. Il sacerdote era il sommo conoscitore di magia, medicina e conoscenza del sacro. La scrittura geroglifica era rappresentazione e comunicazione magico-sacrale: inchiostro nero per valenze positive, inchiostro rosso per quelle negative.

In Palestina erano molto utilizzati gli amuleti, avevano incisi lettere e simboli in oro o argento. Il Pettorale del Giudizio del Sommo Sacerdote era costellato di 12 pietre di colore diverso in un ordine ben stabilito: 4 per 3. E rappresentavano le costellazioni, i mesi dell’anno e le 12 tribù palestinesi.

In Grecia, con una visione più razionale, la divinazione constava nell’interpretazione dei fenomeni, esteriori ed interiori che apparivano o si sognavano attraverso i colori; soprattutto quando questi accadimenti riguardavano gli esseri viventi.

In Etruria il colore erano una vera e propria scienza, senza la loro conoscenza non si potevano esercitare le arti magiche e divinatorie: ad esempio, analizzare il colore e la consistenza delle viscere degli animali.

Il colore stimola il cervello in modi diversi. Gli egiziani e cinesi in passato si servirono dell’effetto del colore bianco al fine di guarire o favorire determinati stati di coscienza o stati emotivi.

Le azioni che rendono puri gli animi sono fatte di bianco e di luce. Ardere nel fuoco, ad esempio, fa ottenere l’immortalità, fa raggiungere il bianco divino.

Indossare vesti bianche significa candore, purezza, integrità di chi può accedere alla forza illuminante di ragione e verità. Il bianco-luce è il simbolo dell’epifania divina.

I fenomeni naturali violenti, lampi e fulmini, hanno fatto sì che gli uomini credessero fossero il mezzo attraverso il quale Dio si manifestasse loro.

Induismo e pazienza.
La legge non scritta dell’India è la pazienza. Il bianco è il suo emblema.

È un particolare momento di transizione. La vita infatti non muore, si trasforma. Sia il nero sia il bianco segnalano il passaggio tra la fine di un ciclo e l’inizio di un altro.

L’uomo da sempre ha avvertito questa particolare tensione interiore della natura e ne ha fatto specchio di stati d’animo e di fasi critiche e significative dell’esistenza, tradotte in simboli e riti di passaggio.

Si pensi all’abito nero, in occidente, per esprimere non solo il lutto, ma anche la necessità di raccoglimento per recuperare energie e aprirsi a nuove prospettive, a un cambiamento radicale.

Lo stesso vale per il bianco, simbolo di vita per eccellenza, di illuminazione e trasformazione, che in oriente assume un significato luttuoso di trasformazione, presente anche nell’antico rito giapponese del matrimonio.

Il bianco che tutto ricopre, quando la neve stende il suo mantello per proteggere i semi preziosi della vita, viene spontaneamente associato all’idea di silenzio.

Non ci troviamo però di fronte ad uno scenario muto. Se ascoltiamo con il cuore, possiamo sentire levarsi un inno sacro: è il canto del silenzio. È simile a una voce, una misteriosa voce, che fa dire a Kandinskij: «Il silenzio non è morto, ma trabocca di possibilità vive».

IL BIANCO NELL’ARTE

Il bianco nelle fiabe
Il bianco nelle fiabe rappresenta l’eroe per eccellenza. L’immortale.

Bianco. Un non-colore. Ma anche l’insieme di tutti i colori possibili. E bianco su bianco? Come potrà delinearsi una forma o una figura se si confonde con lo sfondo?

Il bianco ci colpisce come un grande silenzio che ci sembra assoluto”, diceva Kandinsky.

Il bianco è assenza di suono. È il luogo della purezza, il luogo del niente, il luogo dell’invisibile.

Il bianco, dunque, può raccontare storie di silenzi, di nascondimenti, di sottrazioni progressive fino alla soglia del nulla. Ed è proprio con un esercizio di estrema astrazione che comincia tutto quanto.

È straordinaria la ricchezza del nulla rappresentato dal bianco. Perché dietro quel nulla sembra che non sia niente, invece c’è qualcosa che è invisibile. Che attrae ed inquieta.

Nella sua essenza, il bianco non è tanto un colore quanto l’assenza visibile del colore e, al tempo stesso, la fusione di tutti i colori. È forse per questi motivi che il bianco incolore diventa il bianco multicolore dell’ateismo dal quale fuggiamo.

Sin dall’antichità il bianco nei primi piani è stato di largo impiego, perché il suo accostamento ad altri colori riesce a rafforzare le tonalità ed i contrasti.

Proprio per l’eccessivo uso del bianco, molti artisti del passato sono stati contrari al suo utilizzo, perché lo ritenevano molto pericoloso e perché bisognava far attenzione a non mescolarlo con altri colori, per non correre il rischio di impoverirli, sia in purezza sia in energia e vivacità. Tra questi Tiziano e Rubens.

Il bianco è notorio indica la fede e la purezza. Raffaello in Vaticano, nell’allegoria della Teologia, la fa vedere vestita di una tunica rossa (carità), di verde manto (speranza) e di bianco velo (fede).

Le pitture cristiane del medioevo rappresentano l’Eterno vestito di bianco, e di bianco è il Cristo risorto (Marco 16,5; Luca 24,4; Giovanni 20,12).

Con il bianco i pittori mistici indicano il Verbo.

ESTETICA DEL BIANCO

Il bianco è intuizione pura. Ossia scevra di ogni elemento concettuale. Per questo plasma e dà forma alle sensazioni. Le fissa in immagini senza pronunciarsi sulla loro verità o falsità, le esprime. È un momento fondamentale dell’attività dello spirito.

Intuizione è espressione del bello interiore, dunque forma e sintesi: “Ogni vera intuizione o rappresentazione è espressione. Ciò che non si oggettiva in una espressione non è intuizione o rappresentazione, ma sensazione e naturalità. Lo spirito non intuisce se non facendo, formando, esprimendo. Chi separa intuizione da espressione, non riesce mai più a congiungerle”.

Benedetto Croce soleva affermare che “l’atto estetico è forma, e nient’altro che forma”.

E proprio nella sua capacità di dar forma al sentimento risiede la funzione di arte: “Elaborando le impressioni, l’uomo si libera da esse. Oggettivandole, le distacca da sé e si fa loro superiore. La funzione liberatrice e purificatrice dell’arte è un altro aspetto e un’altra formula del suo carattere di attività. L’attività è liberatrice appunto perché scaccia la passività”.

Ogni forma espressiva è linguaggio. E il linguaggio è essenzialmente libera creazione. L’arte è dunque essenzialmente intuizione, espressione. È intuizione riflessa dell’essere. Il carattere intuitivo-espressivo dell’arte, e il suo essere parte integrante della vita spirituale, deriva sostanzialmente dalle immagini interiori, esistenti nelle anime che le creano o le ricreano.

Il fatto estetico si esaurisce tutto nell’elaborazione espressiva delle impressioni. Quando abbiamo conquistato la parola interna, concepita netta e viva una figura o una statua, trovato un motivo musicale, l’espressione è nata ed è completa. Non ha bisogno d’altro.

L’opera d’arte, l’opera estetica, è sempre interna. Ed essa nasce da un’idea che ha come sfondo un immenso oceano bianco.

Bianco e spiritualità
La luce bianca è intuizione pura. Lo Spirito intuisce la bellezza facendo, formando, esprimendo.

LA SAGGEZZA DEL BIANCO

Il bianco è il colore della saggezza e della vecchiaia. Le persone dalle chiome bianche rappresentano la saggezza per antonomasia. Il bianco è il simbolo della purezza, dell’innocenza e del pudore, perciò esprime anche un sentimento puro e sincero.

Ecco perché coloro che hanno capelli bianchi vengono rivestiti di una profonda tenerezza. Basta guardarli per capire qual è l’origine del loro fascino: la leggerezza.

Salomone ha scritto nel Libro della Sapienza,7,25 che “la Saggezza è l’emanazione radiante dell’onnipotenza divina, la purezza della luce eterna, lo specchio senza macchia delle operazioni di Dio e quindi l’immagine della sua bontà”.

Gli antichi attribuirono a Giove, padre degli Dei e degli uomini il colore bianco. Nella trasfigurazione sul Monte Tabor “il viso di Gesù era brillante come il Sole ed i suoi vestiti bianchi come la neve“, (Matteo 17,2).

Il bianco viene utilizzato anche per comunicare nuove notizie. La rosa bianca indica sia castità sia lealtà, per questo è la regina dei fiori e la ritroviamo quasi in ogni bouquet da sposa e nei vari allestimenti nunziali. È di buon augurio per una vita nella leggerezza, nella saggezza e nell’amore.

 

Il sito che stai navigando necessita di fondi per proporre articoli di qualità e di grande rigore scientifico. È nostro proposito migliorarlo sempre più. Se vuoi, fai un offerta. È un piccolo gesto di partecipazione da parte tua, ma per noi è vitale. Grazie.



LASCIA UN COMMENTO

Categories
Genitorialità

GENITORIALITA’. Impresa condivisa tra padre e madre.

ANCHE I PADRI SONO IN DOLCE ATTESA

Solo recentemente la società ha cominciato a sostenere che la genitorialità è un’impresa condivisa sia dalla madre che dal padre. Finalmente ci si è reso conto che anche i papà sono in dolce attesa!

Il viaggio dal concepimento alla nascita è piuttosto lungo. Fortunatamente quanto basta per risvegliare sentimenti sopiti ed imparare a condividere bisogni, ansie e speranze.

I bambini cominciano ad esercitare il loro magico fascino già prima di venire al mondo.

paternità
La paternità è un miglioramento lento ma costante; come un albero che cresce giorno per giorno, senza che ce ne accorgiamo.

Nessun uomo è mai totalmente preparato allo straripante ed affascinante incontro con gli occhi di un bambino.

Dopo un silenzio quasi riverenziale, scoprirsi a parlare con il nostro piccolo ci farà sentire un po’ sciocchi al pensiero che questo piccolo esserino capisca ciò che gli stiamo dicendo. Non importa. L’importante è parlare con lui. Per tutti i mesi della gravidanza.

Egli ascolterà la nostra voce e, quando nascerà, andrà alla ricerca del nostro viso con immensa curiosità. Il suo sguardo sarà fermo su di noi, ci scruterà e cercherà di imitare le nostre espressioni facciali, i nostri segni di felicità, di tristezza, di sorpresa. E ci ricompenserà con un bel sorriso!

Il bambino che cresce nel grembo materno fa sentire la sua presenza con determinazione.

Trasformando la donna in madre, l’uomo in padre, la coppia in famiglia. Durante la gravidanza i rapporti misteriosi tra i vari componenti della famiglia si fanno più evidenti.

Il nascituro fa affidamento sulla madre, la quale fa affidamento sul padre, il quale fa affidamento sull’amore per la moglie o compagna e per il suo bambino.

La vita diviene così circolare e in continua trasformazione, la paternità è in continuo sviluppo, un work in progress perenne.

Molti medici e pediatri tendono a prescrivere che cosa deve fare il padre.

A proporgli ricette miracolose piuttosto che a stimolarlo a pensare e ragionare con la propria testa. E per quanto possano essere corretti questi consigli, vengono forniti come indicazioni generali da seguire.

Purtroppo però, si corre il rischio di robotizzare comportamenti e pensieri a tal punto da distruggere la spontaneità personale nell’affrontare il problema e privare della soddisfazione di ricercare da soli la soluzione.

Oggi si aspetta dagli uomini una maggiore responsabilità nella cura dei figli.

Si vive, o meglio si crede di vivere, la paternità in modo corretto perché abbiamo gli strumenti giusti. Gli opuscoli tutorial dei centri prenatale degli ospedali. Peccato che siano solo norme generali. Per lo più con vista prettamente femminile.

E non aiutano di certo il cammino dell’uomo verso la paternità. Ogni maschio è unico. Irripetibile. E proprio perché è unico, vive l’atto della gravidanza in modo del tutto personale, sia psicologico che fisico.

Gli uomini devono imparare ad essere sensibili.

Devono imparare a svolgere il loro compito educativo con passione. Soprattutto devono “imparare” ad esprimere i propri sentimenti.

I padri devono far fronte ai nuovi aspetti psicologici e pratici di una vita domestica a due velocità. Cioè, devono crearsi un’immagine di paternità che si dimostri valida per sé e per i figli.

LIBERARSI DELLE EMOZIONI

padri e figli
Diventare padre è l’inizio di un’avventura meravigliosa.

Un tempo, la ricetta per una buona paternità era semplice: lavorare sodo, proteggere la famiglia, pianificare il futuro, insegnare a distinguere il bene dal male attraverso la disciplina.

Un padre che seguiva questi compiti, con regolarità e coerenza, poteva sentirsi soddisfatto. Tranquillizzato dal fatto che stava svolgendo bene il suo lavoro di padre. Si stava guadagnando l’amore e il rispetto di sua moglie, dei suoi figli, della società.

Noi eravamo i figli di quei padri! Oggi i padri, o chi lo diventerà, stanno combattendo un’aspra battaglia per avere delle relazioni più strette con i figli o per instaurarle con quelli che nasceranno. Non siamo più sicuri di ciò che proviamo.

Le sensazioni e i pensieri ci sfuggono.

Tutto ci sembra sottosopra. Annebbiato. Un uragano di incertezza. Frustrazione. Isolamento. Ansia. Aspettative.

Per infondere in noi una nuova immagine paterna, e per farlo bene, bisogna cominciare dall’inizio della gravidanza.

Questo è un territorio ancora vergine per la maggior parte degli uomini. In quanto né i nostri padri né i nostri nonni hanno mai affrontato questo argomento con noi. Né ci hanno insegnato, col loro esempio, che divenire padre è un rinascere nuovamente.

È rinascere padre!

Diventare padre, un padre sempre nuovo e sempre pronto, è il compito più impegnativo che un uomo abbia mai immaginato di poter svolgere.

Poche sono le persone che ammettono questa realtà della vita. Divenire padre è un’avventura che cambia radicalmente la vita, e non sempre si tratta di un’esperienza semplice.

La paternità solleva tutta una serie di quesiti che riconducono alla propria infanzia e alla qualità dell’esperienza che si è avuta con il proprio genitore.

La gravidanza può costituire uno stimolo per la soluzione di vecchi conflitti e l’occasione per scegliere che tipo di padre ci piacerebbe essere per nostro figlio.

Ogni avventura che valga la pena di essere vissuta necessita di tempo; e questa, in particolare, di tutto il tempo che si dispone.

I mesi di gravidanza possono disorientare.

Spaventare e causare una forte tensione interiore. Inclinare rapporti che sembravano intoccabili.

Gli uomini non portano fisicamente il bambino che sta per nascere dentro di loro, e non hanno una chiave di lettura psicologica di quanto sta accadendo. Però avvertono che qualcosa di estraneo in loro si sta insinuando. Li sta cambiando. Li sta trasformando.

Lentamente sì, ma in cosa, ancora non lo sanno. Gli avvenimenti incalzano e si subiscono. Perciò l’uomo ha sviluppato un repertorio di tattiche di relazione estemporanee per assicurarsi la sopravvivenza emotiva.

L’ambiente che lo circonda, lo rende incapace di provare sentimenti che emozionano e che necessitano di una introspezione più profonda di una semplice valutazione superficiale.

La gravidanza proietta l’uomo fuori al presente e verso il futuro.

L’espressione diretta dell’emozioni aiuta a liberarsi delle tensioni, a dissipare i problemi e a rinvigorire lo spirito. I sentimenti che vengono repressi, portano frustrazione, risentimento, rabbia.

E la tensione accumulata prima o poi esploderà in manifestazioni di aggressività e malanni fisici. Allontanandoci fisicamente ed emotivamente dalla nostra partner.

I sentimenti che neghiamo a noi stessi emergeranno proprio nel momento meno opportuno, gettandoci in una sensazione di sconcertante alienazione e depressione.

RIPROGRAMMARE GLI OBIETTIVI

padre felice
La felicità di padre, è essere bambino tra i bambini.

Le cose più semplici e normali assumono un nuovo significato. Le normali decisioni quotidiane acquistano implicazioni di maggior rilievo.

Inconsciamente l’uomo si ritrova a ragionare e a pensare per tre. Si ritrova a rivalutare i propri obiettivi. I suoi credo. I suoi punti di forza e le sue debolezze.

Un certo nervosismo è comprensibile. I timori persistenti possono infierire negativamente sull’accettazione di é e sulla gioia di vivere.

Il ruolo consapevole di padre può aiutare i figli a raggiungere grandi traguardi oppure limitarli e vincolarli alla mediocrità.

Ogni figlio è dotato di un immenso potenziale psicologico e mentale che gli permette di sviluppare capacità e competere in misura maggiore di quanto abbiamo fino ad ora ipotizzato, ma la condizione primaria è proprio il grado di essere padre e fare il padre.

1. Jack Heinowitz.

Autore del libro “il papà incinto”, afferma che: “tutti gli uomini che intraprendono il cammino verso la paternità, sebbene non siano fisiologicamente incinti, subiscono una profonda trasformazione sia per quanto riguarda la personalità sia per quanto concerne gli enormi cambiamenti di carattere psicologico. Perché, nel tentativo di creare un ruolo soddisfacente sia per loro che per i loro figli, cercano una sorta di equilibrio, un contatto emotivo più stretto, momenti più partecipi con la propria famiglia: condivisione, sensibilità, espressione di sé ed intensità”.

La definizione restrittiva di padre.

Colui che genera un bambino, può essere facilmente arricchita e, perché no?, trasformata in colui che si dedica a un bambino attraverso forza, calore, tenerezza e comprensione. E col passare del tempo, crea le opportunità per un benessere personale e per un proprio rinnovamento in grado di risvegliare la saggezza e il senso del dovere che sono necessari a tramandare questa eredità al figlio.

2. Jean Piaget.

Autore del libro “psicologia e sviluppo mentale del bambino”, parlando dei padri, afferma: “l’azione del padre consiste appunto in questo continuo e perpetuo meccanismo di riadattamento e di equilibrio. E proprio per tale ragione che, nelle prime fasi di costruzione di nuovi modelli personali, le strutture mentali successive possono venire considerate come altrettante forme di equilibrio. Ognuna delle quali è un progresso rispetto alle precedenti”.

L’uomo non diviene padre il giorno stesso in cui la sua donna diviene madre.

Accede alla paternità nel corso di un lungo e travagliato apprendistato. Essere padre e fare il padre è sentirsi uomo; è subire un processo di duplice incarnazione e di duplice identificazione. Quello interiorizzato durante la propria crescita e quello socio-culturale dei modelli trasmessi dalla società.

3. Tiziano Loschi e Giovanna Vandelli.

Autori del libro “essere padre, fare il padre”, sottolineano che “gli uomini spesso disprezzano, svalutano e negano le proprie reazioni alla gravidanza. Piuttosto che ammetterle, non le esprimono e non le accettano come elemento necessario per il proprio cammino verso la paternità. Perché non le percepiscono come espressione fondamentale della propria virilità“. Questi concetti sono radicalizzati nel pensiero dell’età industriale. Soprattutto nell’etica del guerriero che ha regnato nei secoli precedenti.

Gran parte di uomini è estranea ai propri sentimenti interiori.

Nella lunga lotta per riuscire a fare il proprio lavoro di genitori, molti uomini non si sono resi conto dell’entità del prezzo che stavano pagando. Alla necessità di relazioni profonde e soddisfacenti con altri e se stessi.

PRESENZA COSTANTE

papà e bambino
La genitorialità è la chiave di accesso a una nuova dimensione umana, dà un altro senso al tempo e all’esistenza.

Il padre distante, il padre fantasma, il padre violento, non è altro che il prodotto di una cultura che non ha preparato gli uomini a divenire padri, né insegnato loro che l’educazione dei figli è parte essenziale della loro natura. La paternità è la celebrazione suprema dell’umanità maschile.

Gli uomini fanno difficoltà a vedere nella paternità qualcosa che gli offra dei valori.

Questo è uno dei motivi per cui gli uomini spesso fuggono o restano distaccati dalla vita familiare. I vecchi miti sono ancora vivi, perché non si è radicata una nuova immagine di padre più equilibrata di quella precedente.

L’immagine del padre fornitore, cioè di colui che si occupa del benessere materiale della famiglia, rimane ancora l’immagine più persuasiva della nostra epoca.

Il concetto di genitore rimarrà un ideale irraggiungibile fino a quando l’uomo non comincerà a vedere non solo la genitorialità ma anche la gravidanza come impegno a due.

Un mondo che dà il benvenuto alla futura madre, ma disgrega la figura più nascosta del futuro padre, inavvertitamente lo emarginerà fin dall’inizio.

Bisogna cominciare a domandare agli uomini qualcosa sulla loro esperienza legata alla gravidanza. Sui loro pensieri, sentimenti e sogni. Bisogna parlarne, insomma!

Concetti preconfezionati.

I tutorial non forniscono all’uomo né la convinzione né i riti a farlo sentire una parte importante verso la genitorialità. I futuri padri dovrebbero essere supportati da centri specializzati, sul modello di quelli per le future mamme.

I padri devono essere aiutati ad avvicinarsi alla paternità con spirito giusto. Senza timore e senza altalenanti dualismi interiori. Che, a lungo andare, potrebbero tracciare un solco indelebile nella loro psiche.

Molti uomini hanno intrapreso il cammino della paternità con entusiasmo e premura.

Altri, invece, si sono arresi alla loro incapacità di rigenerarsi. E sono giunti alla convinzione che non hanno altra alternativa se non quella di mettersi da parte. Osservare gli eventi della gravidanza e della cura del bambino. Da spettatori.

E l’alienazione personale cresce. E’ proprio l’assenza di padri responsabili il principale fattore dei problemi sociali riguardante i figli.

AVERE O NON AVERE UN FIGLIO?

sotto la pioggua
La vita è un perenne equilibrio tra bisogno di libertà e bisogno di protezione.

Sembra paradossale porsi una domanda del genere, quando fino a qualche tempo fa la risposta sarebbe stata: i figli si fanno e basta! Oggi tutto è cambiato. Decisioni che sembravano ovvie, risultano meno ovvie in quanto gravate di condizioni prima inesistenti.

Avere un figlio, soprattutto un secondo o un terzo, richiede un bel po’ di coraggio, se non addirittura di incoscienza.

Senza addentrarci in fenomeni storici e sociologici, vale comunque la pena sottolineare gli aspetti interessanti riguardanti la genitorialità. Soprattutto le problematiche più frequenti a cui vanno incontro i padri nel momento in cui vengono informati che diventeranno genitori.

1. Oggi il ruolo dei padri si è molto affievolito, viviamo in una società senza padri e senza normative.

  • Le precedenti generazioni di maschi hanno spazzato via l’autoritarismo paterno nelle famiglie, nelle istituzioni e nella politica. Hanno favorito la caduta delle grandi ideologie e la nascita del pensiero debole in filosofia. Il risultato è di fare delle successive generazioni una generazione orfana psicologicamente di padre.
  • Oggi si è perso il ruolo paterno nella guida morale della famiglia. Non c’è più certezza delle risorse maschili in termini economici. E sono in discussione anche antiche certezze sessuali. Per i maschi di oggi sembra quasi una condanna riproduttiva quella di essere incastrati in una adolescenza che sembra non volere finire mai.

 2.  Le donne hanno imparato, a loro spese, a non giudicare gli uomini dalla loro età o dalle risorse economiche, ma dall’affidabilità come padre.

  • Gli uomini devono essere disponibili ad occuparsi di bambini piccoli, ma soprattutto le donne si aspettano che facciano veramente i padri. Cioè che siano veramente riferimento educativo per i figli.
  • Anche le donne hanno bisogno di padri, pure le donne sono figlie di una generazione senza padri. La nostra vita è un perenne equilibrio tra bisogno di libertà e bisogno di protezione.
  • Una integrazione tra queste due polarità sembra difficile, se non addirittura impossibile. O siamo troppo liberi e troppo soli, o siamo troppo dipendenti e imbottigliati nella prigione famiglia.
  • Tutte le decisioni sono condizionate da un senso di paura e di incertezza. La società odierna ha fatto sì che la spinta dell’uomo riproduttiva si stia esaurendo.

 3. I figli sono diventati un bene di consumo, mentre prima erano beni di investimento.

  • La vita riproduttiva della specie non è più solo una questione femminile: appartiene all’umanità, richiede la voce di tutti gli esseri umani.
  • Stanislaw Grygiel, filosofo polacco e autore del saggio “la politica della paternità”, afferma che l’intervento dello Stato nelle vicende familiari è assolutamente dannoso se fatto senza alcuna programmazione futura. Perché la salvezza dell’uomo avviene nello spazio delle relazioni interpersonali basate sulla paternità e sulla figliolanza.
  • Ciascun essere umano sente se stesso come soggetto di pensiero, sentimento e volontà ed ha la coscienza di essere un individuo inserito nel tempo e nello spazio.

Le donne lo sanno bene e perciò cercano uomini, non adolescenti insicuri, a cui affidare le proprie istanze di maternità. Uomini con la U maiuscola.

Un irridente post in internet sentenzia“Uomini così ce ne sono pochi, come i posti nei parcheggi. I migliori se li sono già presi, restano solo quelli per carico e scarico, donne attente agli abusivi“.

Il sito che stai navigando necessita di fondi per proporre articoli di qualità e di grande rigore scientifico. È nostro proposito migliorarlo sempre più. Se vuoi, fai un offerta. È un piccolo gesto da parte tua di compartecipazione, ma per noi è vitale. Grazie.



Acquisti consigliati, clicca sul testo che potrebbe interessare

Categories
Spiritualità

Il profeta e la prostituta. Osea, cantore della famiglia.

Interiorità

A ogni compleanno, non c’è interiorità umana che non sia una fucina di nuovi propositi, di nuove speranze e di nuovi accorati appelli alla propria coscienza per migliorarsi nelle relazioni personali ed interpersonali. Di vivere soprattutto una vita meno frenetica e meno egoistica. 

Spesso accade però che un alito di vento, o il sorgere di un nuovo giorno, basti affinché tutto torni come prima. E ciò che erano le nostre migliori intenzioni, e speranze, rimangano impastate nelle betoniere che la quotidianeità fa girare di continuo. La chiosa di Rossella O’ Hara, in Via col vento, ridiventa il nostro motto perpetuo: domani è un altro giorno!

Già, domani è un altro giorno!

Ma può anche capitare che tra i regali ricevuti, ce ne sia uno che colpisca più degli altri, che spalanchi realtà nascoste dell’interiorità che nemmeno si supponeva ne fossimo usufruitori, e possono scatenare un concerto di pensieri stranamente armonioso e trasportante.

Armonie

Ci sono libri che segnano l’interiorità di chi legge. Che chi li ha letti desidera fare leggere ad altri nella convinzione che siano sempre, comunque e per tutti, fonte di aiuto e di riflessione, di ammaestramento e di diletto. Libri evergreen, per intenderci.

Il libro di Giacoma Limentani, Il profeta e la prostituta, Paoline Edizioni, con testo ebraico a fronte, ne è un esempio. Le vicende personali e familiari del profeta Osea e di sua moglie Gòmer, una prostituta, possono tranquillamente affrescare uno spaccato di vita attuale, con tutte le sue contraddizioni e storture.

Storia familiare

L’idolatria prende campo in ogni dove della sfera umana arandolo con la rilassatezza dei costumi e con l’arroganza propria di ogni malinteso senso del potere e la conseguente ingiustizia sociale.

La presunzione dei potenti, allora re e governanti, oggi Capi di Stato e bussiness men, che mettono a tacere i principi fondamentali della vita e della fede, tacciando di partigianeria e di interesse personale chi li promulga, combattendoli ed isolandoli. Se non addirittura mettendoli a morte.

Lo scontro di culture e civiltà, e in ultimo, ma non ultima, la lenta agonia alla morte a cui assoggettiamo noi stessi al discutibile quieto vivere. Barattiamo la nostra interiorità con tutto, la prostituiamo con ogni parvenza di benessere e di pace. Ma è veramente quello di cui abbiamo bisogno?

Ormai siamo talmente abituati ed infatuati da questo status vivendi, che non ci accorgiamo che sta minando le basi stesse dei nostri principi e diritti. I nostri stati di umore e di felicità. Le nostre speranze. Il nostro domani.

I sempre più frequenti scatti di ira e di intolleranza che caratterizzano le nostre giornate, stanno abbruttendo le nostre interiorità e scatenando una sorta di rifiuto di noi stessi che termina in atti sempre più violenti, cruenti ed ingiustificabili. Ciò che credevamo, o crediamo, di combattere con tutte le nostre forze, la violenza, è diventata la compagna fedele del nostro quotidiano.

 

Giustizialisti

Basta un niente perché l’ira ci offuschi la mente. La rabbia vendicatrice diventa subito il nostro abito di gala, adatto ad ogni evento e manifestazione. La nostra presunzione di giustizia non conosce limiti, e giustifica ogni cosa e ogni atto.

La non violenza, tanto amata e cara a Ghandi, spesso issata a vessillo della civiltà e della cultura illuminata fino a non molto tempo fa, è stata depauperata del suo stesso significato. Sminuita a semplice ghirlanda da rispolverare nelle grandi occasioni. 

Gli stessi che ne erano dei fervidi sostenitori, ora impregnano il suo significato di sempre maggiori distinguo che ne svuotano il contenuto, e la forza, appiattendola a mera utopia. Se non addirittura identificandola con corteo carnevalesco idoneo a risollevare solo l’umore del popolo incolto, panem et circenses di romana memoria.

La non violenza è in realtà l’amore più grande che un uomo possa avere, unito alla più grande capacità di sacrificarsi per gli altri. Dono me stesso, la mia interiorità, a te e alla tua interiorità. C’è una eterna lotta tra la vita e la morte; e il risultato di questa lotta non è la morte, ma la vita. Infatti la vita continua a dispetto della morte.

 

L’odio ammala solo chi lo effonde

Non è lecito odiare qualcuno, anche se dovessi farlo per amore di coloro che mi stanno a cuore. Se amo odiando, non si traterebbe più di amore e di servizio per l’amato o amata, ma di orgoglio. Non è la letteratura nè l’abbandondanza di sapere che fa l’uomo, ma la sua educazione alla vita reale.

Che importanza avrebbe se fossimo enciclopedie viventi e poi non sapessimo vivere in fraternità con il nostro prossimo? Non basta che impariamo l’arte di leggere, scrivere e ogni sorta di altra arte, se non impariamo prima l’arte di vivere con i nostri simili. L’arte di penetrare le loro interiorità e di elevarle.

Nel mangiare, nel dormire e nel compiere le altre funzioni fisiche, l’uomo non è diverso dall’animale. Ciò che lo distingue è lo sforzo di elevarsi sul piano morale. L’umanità è a un bivio: deve fare la sua scelta tra la legge della giungla e la legge della civiltà, e morale e multietnica.

 Se accettiamo l’ideale dell’uomo non violento, non dovremmo considerare nessuno nostro nemico a priori. Anzi, dovremmo rifuggire la malevolenza, il sentito dire e le inimicizie. Un uomo vero nella sua essenza, forte e sicuro, non perde mai la pazienza, nè si perde in offese o in eccessi d’ira.

Uomini tra i più ricchi al mondo

Vivere nella storia

Non riesco ad immaginare una società in cui nessun uomo sarà più ricco di un altro. Ma posso sicuramente immaginare un tempo in cui i ricchi smetteranno di arricchirsi sempre e solo alle spese dei poveri e i poveri cesseranno di invidiare i ricchi. Neanche un mondo ideale riuscirebbe ad evitare le disuguaglianze, ma possiamo e dobbiamo evitare i rancori e l’odio.

Credo che non sia possibile una piatta uniformità dell’esistere. Sì certo, tutto deve essere disponibile a tutti e tutti devono potervi accedere. Però non credo che tutti gli uomini siano uguali e liberi, nel senso letterare della espressione, non è legge della natura. Ognuno di noi è unico. Perché ha una sua pecularietà, una sua meravigliosa interiorità.

Gli uomini non sono uguali: nelle capacità intelletuali o nelle capacità manageriali, per esempio. E se questo dono li porta ad essere più ricco di me e di altri, non posso sebargli rancore nè combatterlo per partito preso. Se è un disonesto sì. Lo devo isolare e assicurare alla legge, non spalleggiarlo.

La dottrina dell’uguaglianza sarà compiuta solo quando coloro che hanno intelligenza la useranno non per progredire a discapito dei più deboli, ma aiuteranno questi ad elevarsi a loro volta. A capire, e ad accettare finalmente, qual è la loro unicità, il loro dono. Questa diversità, fortunatamente, è la vera natura della vita. E le nostre speranze per il futuro.

 

L’amore sopra tutto

Specialmente sensibile alle sofferenze e alle speranze dell’amore, Osea con la sua passione trova gli accenti poetici più coinvolgenti e comunicativi del dramma insieme celeste e terrestre, divino e umano, religioso e politico, che ciascun uomo vive quotidianamente.

Osea esprime con intensità emotiva l’espressione del rapporto tra Dio ed Israele, e i destini di quest’ultimo. Ma benissimo potrebbero essere anche quelli dei nostri giorni. La sua analisi, il suo confrontarsi con gli eventi del tempo, fotografano pari pari le contraddizioni, le incertezze, le paure e le speranze dei nostri giorni.

Nel momento in cui la prostituzione sacra, caratteristica di molte culture passate, mina il rigore dei costumi, con conseguenze che si riflettono sulla situazione socio-economica dell’intero impianto statale, Dio chiede ad Osea di prendere in moglie una prostituta adultera. Personificazione del regno di Israele che fornica con gli idoli e si prostituisce commettendo adulterio nei confronti del suo Sposo celeste.

Il profeta utilizza proprio l’impianto del matrimonio per riversare in chi legge l’affanno dell’uomo Osea. I suoi palpiti, l’alternarsi delle passioni divine e umane, il dover essere megafono della Parola divina e censore al tempo stesso dei comportamenti lascivi a cui sua moglie si lascia andare. Sua moglie siamo noi, il nostro essere infedeli alla parola data e alla nostra vita. 

 

Insegnamento

Data la simbologia coniugale, alla cui luce l’ebraismo vive il rapporto popolo/Dio, Osea carda fiocco dopo fiocco le contraddizioni e gli affanni del presente e ne tesse una tela che va al di là della temporaneità del momento. Riesce a trovare perfino un nesso fra profeta/portatore di Parola divina, che è salvifica in quanto Legge di misericordia e giustizia, e moglie prostituta/adultera, matrice e specchio di una realtà imbastardita,

La tela si inserisce in un discorso più ampio, il quale riguarda l’uomo stesso, il suo essere vita, il suo futuro. L’insegnamento che se ne ricava, è che solo un pensiero puro, attivo e diretto diventa efficace e depone in seno alla vita un seme fecondo. 

Quando c’è corrispondenza fra pensiero da una parte e parole dall’altra, le parole possono essere capite e seguite dall’intera famiglia umana. L’umanità non abbassa il suo livello di civilità e di crescita per l’esistenza di uomini sleali, che non prestano attenzione ed ascolto al proprio cuore. Nè attribuisce le debolezze del corpo e della carne proprio all’anima che vi risiede dentro.

Bisogna rialzarsi e continuare a camminare, sempre e comunque. Nonostante le continue cadute. Esse devono essere percepite, esaminate, giudicate in modo da potere vivere l’accadere nel presente, guardando all’esempio del passato in quanto guida per il futuro.

ACQUISTA ORA