buddismo e felicità

LA PAZIENZA NEL BUDDISMO. LA SAGGEZZA DELLA CONOSCENZA È LA PAZIENZA.

Buddhismo

LA PAZIENZA È UN VESTITO DIFFICILE DA INDOSSARE

A differenza dell’Induismo, il Buddismo riserva alla pazienza una particolare attenzione. I maestri buddhismi hanno scritto delle pagine sulla pazienza tra le più sublimi della letteratura religiosa di tutti i tempi. La pazienza, nella religione fondata da Siddharta Gotama Buddha, è la condizione fondamentale perché l’uomo sia capace di accogliere l’illuminazione e di raggiungere il nirvana, la felicità pura e semplice.

  • IL VERO BUDDISTA

Il vero buddhista infatti, attraverso la pazienza, rinuncia alle proprie esigenze. E talvolta anche ai suoi diritti. Per accettare serenamente le circostanze in cui si trova a vivere ed essere completamente disponibile agli altri. Molte leggende che narrano gli insegnamenti di Buddha hanno come filo conduttore la pazienza. E invitano ad esercitarla con ogni mezzo e con ogni strumento. Perché è la saggezza della conoscenza della Verità.

  • VESTITO DIFFICILE DA INDOSSARE

La pazienza è un vestito difficile da indossare, affermava Buddha, ma tutti i meriti si sviluppano nel momento in cui viene indossato. Quando diciamo: vedo questa persona e mi nasce la collera. L’errore non è quella persona, ma nella nostra mente. Se volessimo eliminare dal mondo tutti gli oggetti della nostra rabbia il lavoro non avrebbe mai fine. Facciamo prima ad eliminare la collera.

  • LA PAZIENZA È CAMMINO

Solo chi è paziente può percorrere il cammino della perfezione, perché la pazienza esige il dominio sulle proprie passioni. Il vero paziente, sebbene ingiuriato, percosso o derubato, non può rispondere con l’odio a ciò che gli accade. Perché mai si placano quaggiù gli odi con l’odiare, ma si placano col non odiare. Questa è la legge eterna. L’ira non ha mai giustificazione.

  • SUPREMA ASCESI

I Buddha chiamano la pazienza suprema ascesi, la sopportazione eccelso nirvana. Non è saggio né illuminato un uomo che parla molto. Ma chi è paziente, pacifico, intrepido, capace di sopportare insulti, percosse e vincoli.

LA PAZIENZA NEL BUDDISMO
Il vero paziente, sebbene ingiuriato, percosso o derubato, non può rispondere con l’odio a ciò che gli accade.
  • NAGARJUNA

Nagarjuna, noto pensatore buddhista indiano vissuto tra il II-III secolo a.C., tenta di dare alla pazienza un fondamento filosofico. E lo fa in modo appassionato, convincente, magnifico. “La pazienza è la forza di tutte le persone religiose. Umilia i cattivi e manifesta cose meravigliose nelle assemblee. E’ il guardiano che veglia affinché non venga abbattuto il distacco di ciò che si possiede e la moralità. E’ una grande corazza, che assicura la tranquillità d’animo e la pace. Perché allora mi irrito? Se io ora sopporto l’offesa, sfuggirò per sempre al dolore. Per questo io non devo avvertire la collera. Sapere ciò, significa entrare in possesso della pazienza verso le cose e si ottiene la suprema e perfetta illuminazione”.

  • ARYA SURA

Un autentico trattato sulla pazienza ci viene offerto da Arya Sura. Vissuto tra il III-IV secolo d.C., nella sua famosissima opera Jatakamala, racconta la storia di Ksantivadin, predicatore di pazienza, che confonde la pazienza con le due virtù sorelle: la benevolenza e la compassione. Le quali fanno del Buddhismo, dal punto di vista cronologico, la prima religione del mondo basata sull’amore e la fratellanza. Grazie alla pazienza, afferma Arya Sura, l’uomo evita la malvagità perché ha vinto le cause che la suscitano e non avvertirà più odio per alcuno. Anzi, la pazienza aiuta la forza della sua amichevolezza. Per questa ragione, egli sarà una personata amata e onorata, e avrà una vita felice. La pazienza uccide la magia, nemica della Legge. Ed è un magico strumento di liberazione e fonte di felicità. Allora chi non deve sforzarsi in ogni maniera per ottenere la pazienza, la virtù che conduce inevitabilmente verso il bene?

  • SANTIVEDA

Il mistico Santiveda, vissuto in India tra il VII-VIII secolo d.C., nella sua opera Bodhicaryavatara, introduzione alla pratica del risveglio, descrive con maestosa efficacia la perfezione della pazienza: non c’è male uguale all’odio, né ascesi uguale alla pazienza. Perciò conviene coltivare e realizzare la pazienza con ogni sforzo e vari mezzi. Nel buddhismo chi cerca la virtù della pazienza deve ricordare che il dolore ha una grande virtù, perché, col turbamento che ispira, abbassa l’orgoglio ed eccita la pietà verso le creature. Fa temere il peccato, fa amare lo Svegliato. Il dolore proviene dalle nostre malefatte, perché dunque adirarsi contro qualcuno? Le avversità della vita servono a farci esercitare la pazienza. Il cammino della pazienza è certo arduo, ma se compiuto gradualmente è alla portata di tutti. Non esiste nulla, per quanto difficile, che con l’esercizio non si possa ottenere. Assuefacendoci alle sofferenze leggere, arriveremo a sopportare le grandi. Perfino il nemico è considerato come un benefattore. Il suo atteggiamento aggressivo contro di noi è giustificato dalle nostre responsabilità. Perché la pazienza si produce proprio condizionata dalle sue malvagie intenzioni.

BUDDHA E LA PAZIENZA
Grazie alla pazienza l’uomo evita la malvagità.
  • SGAM.PO.PA

sGam.po.pa (Tibet 1079-1153), secondo in autorità solo al Buddha, nel suo Prezioso Ornamento di Liberazione, riassume la perfezione della pazienza in sette punti. La pazienza è fonte di insuperabile felicità e fondamento principale dell’illuminazione. Perché è pronta ad investire la natura dell’intera realtà stessa. L’esatto opposto dell’impazienza. Che è causa di preoccupazione e quindi non ci permette di sperimentare la gioia, la felicità o la pace. E ci è impossibile perfino dormire. In questa ottica di perfezione, finanche i nemici diventano benefattori. Poiché l’illuminazione non si realizza senza l’accrescimento della pazienza e la purificazione da essa adoperata in noi.

  • GESHE NGAWANG DHARGYE

Geshe Ngawang Dhargye sintetizza con frizzante umorismo la tradizione buddhista tibetana sulla pazienza attraverso un mirabile aneddoto. “In Tibet, c’era una volta un uomo dedito alla meditazione che viveva in una montagna con il suo gallo. Un giorno venne un ladro per rubare, ma il gallo lo acchiappò e cominciò a beccarlo. Il contemplativo gli disse di smettere, ma il gallo continuò a beccare fino a quando egli gli gridò: sopportazione. E allora il gallo immediatamente smise”.

Approfondimenti suggeriti, clicca sull’icona interessata

Notificami
seo optimization
Ospite

Hi, You have a nice website, after reading your blog post I browsed your website a bit and noticed you aren’t ranking nearly as well in Google as you could be. If you are interested to rank on top of search engines, we can give you a free SEO consultation on https://allinoneseosolution.com/